La cena Bossi-Berlusconi ad Arcore salta: l'alleanza Pdl-Lega è morta


Le avvisaglie c'erano tutte, i molteplici segnali di distacco pure; ma ora alle parole sono seguiti i fatti. E come si sa, non c'è fatto più concreto di una lunga tradizione che di colpo salta per aria: la cena di Arcore.

Sono anni che ogni lunedì Berlusconi e Bossi si ritrovano al desco del Cavaliere per rinsaldare la loro alleanza (non vogliamo chiamarla amicizia visto che siamo in politica e gli amici non esistono). Ma ieri l'appuntamento è saltato.

E sì che la buona volontà almeno da parte dell'ex-Premier c'era, e l'invito pure. È stato il Senatùr a declinare, preferendo all'evento semi-mondano una riunione interna di gabinetto in via Bellerio, storica sede della Lega Nord.

Hai voglia a questo punto a minimizzare, e dichiarare (da parte Pdl) che «non c'è stata rottura», e che "si sono solo imboccate strade diverse, che portano comunque nella stessa direzione". La rottura invece c'è, ed è evidente.

Si dice che l'ispiratore della manovra sia Bobo Maroni, alla faccia delle vecchie teorie sul Cerchio Magico da cui l'ex-titolare del Viminale parrebbe escluso. E invece di Cerchio ce n'è uno solo, quello che circoscrive una Lega non più di potere, ma solo di lotta, e isolata anche dal suo vecchio e per qualche aspetto scomodo avversario.

Senza Berlusconi non c'è possibilità di governo per il Carroccio, ma è probabile che alle prossime elezioni arrivi una valanga di voti. Il calcolo del solito lungimirante Umberto è questo. vedremo se andrà in porto.

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO