Governo Monti, servono altri ... 20 miliardi. Chi "spennare"? I soliti ...

Solo a pensare che servirà, pare, una manovra da 20 miliardi, vengono i brividi. Con l'ipotesi di un calo del Pil dello 0,5% servirebbe infatti una correzione di 20 miliardi comprensiva di 4 miliardi della delega fiscale. Altrimenti, addio pareggio di bilancio nel 2013.

Chi stringe ancora la cinta? Si parla di blocco totale del recupero dell'inflazione per le pensioni per il 2012. L'intervento, varrebbe 5-6 miliardi compreso il blocco della perequazione già previsto per le pensioni più alte. Non basta: per accedere alla pensione di anzianità, indipendentemente dall'età anagrafica, bisognerà maturare tra i 41 e i 43 anni di contributi contro gli attuali 40. Questa insistenza sulla priorità assoluta di torchiare sempre le pensioni non puzza un po'?

Il premier è ottimista: “Faremo un buon lavoro e aiuteremo l'Italia a uscire da questa situazione difficile”. Il governo aiuterà “le forze politiche a ritrovare un clima più sereno e una riconciliazione con l'opinione pubblica”, ha rassicurato Monti. Ora la squadra di governo è completa, gente competente anche se non tutti a … prova di bomba.

Gli italiani sono di memoria corta. Il neo ministro della funzione pubblica era il capo di gabinetto di Brunetta, e il viceministro del lavoro è un sacconiano doc. Quale linea seguiranno in due campi decisivi come il pubblico impiego e il lavoro, già messi ko dal governo di Berlusconi? Ai posteri l’ardua sentenza.
Tocchiamo ferro.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO