Pdl presenta emendamento al Ddl sul Comitato dei 40: va riformata anche la magistratura

Depositato in Commissione Affari Costituzionali al Senato l'emendamento al Ddl del governo che istituisce il Comitato per le riforme costituzionali.

Un gruppo di parlamentari del Pdl ha presentato in Commissione Affari Costituzionali al Senato alcuni emendamenti al disegno di legge n. 813 di iniziativa governativa che istituisce il cosiddetto Comitato per le riforme, ossia il gruppo di 20 deputati e 20 senatori che lavoreranno alla riforma della costituzione.

Tra i vari emendamenti colpisce uno in particolare che, come potete vedere dallo screenshot del sito del Senato (in basso), propone di sostituire al comma 1 dell'articolo 2 del Ddl 813 le parole «degli articoli di cui ai titoli I, II, III e V della parte seconda della Costituzione,» con «degli articoli di cui alla parte seconda della Costituzione». In questo piccolo cambiamento c'è tutto un mondo, perché le riforme vengono allargate anche agli altri titoli della seconda parte della Costituzione, quindi anche il quarto e il sesto che erano stati esclusi dal disegno di legge governativo: Mentre il titolo VI riguarda le garanzie costituzionali, il IV è quello più caro a Silvio Berlusconi, perché è quello relativo alla magistratura.

I firmatari di questo emendamento, come di altri allo stesso Ddl, sono Donato Bruno, Maria Elisabetta Alberti Casellati, Anna Maria Bernini, Paolo Bonaiuti, Claudio Fazzone, Antonio D'Alì, Manuela Repetti, Pierantonio Zanettin, Paolo Romani, Giuseppe Esposito.

Non colpisce questa precisazione dei pidiellini, anzi, ci si meravigliava un po' del fatto che il Cavaliere non abbia parlato apertamente in questi giorni prima con Letta e poi con Napolitano di questo tema a lui tanto caro, ma qualcosa in serbo evidentemente lui e i suoi ce l'avevano già e questo emendamento è solo un piccolo passo, perché poi toccherà ai parlamentari in seno al Pdl che faranno parte del Comitato per le riforme costituzionali svelare quali sono i cambiamenti che vogliono apportare al titolo IV e cioè, appunto, alla magistratura.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO