Ore 12 - Tasse, i "furbetti" (evasori) e i "fessi (contribuenti).

altroNon c’è, si sa, una sola Italia. La mini retata fatta ”su segnalazione” (?!) a Cortina a danno (si fa per dire) dei “poveri” possessori di suv e supercar quasi nullatenenti dimostra semplicemente un dato altrettanto noto: se si vuole, si può.

C’è o no in Italia una effettiva evasione fiscale di oltre 120 miliardi di euro? O sono numeri dati ripetutamente per fare convegni che non approdano mai a nulla?

Recuperando solo il 50 per cento dell’evasione fiscale si sarebbero evitati gran parte dei provvedimenti delle manovre fiscali del 2011. Allora? Il nodo è politico. Si tratta di capire se questo nodo può essere reciso da un governo “tecnico” dopo che mai nessun governo politico ci è riuscito.

Non è vero che anche qui vale il detto: “Sì, ma non nel mio giardino”, volendo significare che tutti gli italiani non vogliono pagare le tasse e tutti gli italiani fanno di tutto per evaderle. Ancora una volta si tenta di fare di tutta un’ erba un fascio, di fare passare per furbetti quelli di Cortina presi l’altro ieri in castagna e il pensionato al minimo spremuto fino all’ultimo euro.

In Italia, da sempre, si sa chi paga (tutte) le tasse e si sa chi non le paga (poco o per niente). E’ una questione politica. Di leggi mancanti e di leggi da applicare.

Monti non si limiti ad essere forte con i deboli e debole con i forti: parli apertamente agli italiani e dica la verità su questo nodo cruciale. Metta con le spalle al muro i deputati e i partiti che difendono gli evasori. Poi decideranno gli italiani.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO