Cile: Michelle Bachelet sarà il candidato della Sinistra cilena alle presidenziali


L'ex Presidente socialista, Michelle Bachelet, ha vinto le primarie dell'opposizione in Cile. Si è imposta, sugli altri tre candidati della coalizione Nueva Mayoría, con il 73% dei consensi.

Dopo aver appreso i risultati, Bachelet ha dichiarato euforica:

Dobbiamo lavorare senza sosta per vincere al primo turno a novembre

L'ex direttrice esecutiva di Onu Mujeres, contenderà la presidenza all'ex Ministro dell' Economia, Pablo Longueira, appartenente al partito Unión Demócrata Independiente.
Longueira, a sua volta, ha vinto le primarie della coalizione di destra con un margine molto stretto, 51% contro il 48%, sull'ex titolare del ministero della Difesa, Andrés Allamand.

Si deve ravvisare che il sistema di primarie simultanee, inaugurato in Cile domenica scorsa, è stato decisamente favorevole allo schieramento di opposizione. Si è registrata, infatti, un'affluenza di votanti, nelle consultazioni di Nueva Mayoría , pari al triplo rispetto a quelle dello schieramento conservatore.

Ora il compito più difficile per Bachelet sarà quello di coniugare le esigenze delle varie forze di opposizione che l'appoggiano, dalla Democracia Cristiana al Partido Comunista . Ma ancora più importante sarà avere un dialogo con i movimenti.

Per il momento la candidata di sinistra ha già ottenuto l'appoggio di Camila Vallejo, la figura più importante del movimento studentesco cileno. Ricordiamo che nel Paese, nell'ultimo mese, si sono susseguite un gran numero di manifestazioni. L'obiettivo dei manifestanti è la limitazione del potere delle università private e la riduzione dei costi dell'istruzione pubblica.

Altri temi su cui Bachelet dovrà convincere, sono quelli della disoccupazione giovanile e del rapporto con le popolazioni native. Riguardo a quest'ultimo aspetto, non si può non segnalare la questione del popolo Mapuche, verso il quale, l'ex presidente socialista, ha avuto in passato un atteggiamento non proprio encomiabile.

Infine, in economia, le forze dello schieramento di sinistra dovranno proporre ricette convincenti per far fronte al disavanzo strutturale a cui il governo attuale non è riuscito a far fronte.

Bachelet ha incominciato ad impostare una campagna presidenziale che può essere riassunta in tre punti: Profonda riforma fiscale, Educazione pubblica e universale, approvazione di una nuova Costituzione. Vedremo se riuscirà a convincere.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO