Israele: Piano per costruire altre 930 abitazioni per coloni


Il giornale ebraico Maariv, nella sua edizione di ieri, ha pubblicato uno scoop che farà discutere.

Il ministero degli Alloggi israeliano e il Comune di Gerusalemme hanno stabilito congiuntamente di avviare la costruzione di 930 unità abitative per coloni a Jabal Abu Ghuneim (nella colonia di Har Homa, situata a sud di Gerusalemme e a breve distanza da Betlemme). Sono previsti incentivi per i cittadini israeliani che decideranno di risiedervi, tra cui l'esonero per i nuovi acquirenti dal pagamento dell'imposta sull'acquisto di immobili.
A farsi carico del costo delle infrastrutture sarà lo stesso ministero degli Alloggi, presieduto Uri Ariel, leader del partito nazionalista Casa Ebraica.

L'obiettivo del nuovo piano israeliano sarebbe quello di isolare il villaggio di Sur Baher da Gerusalemme e da Betlemme, mantenendolo fuori dal territorio palestinese.

Il progetto, secondo Maariv, era stato autorizzato nel 2011 dall'ex ministro degli Interni, Eli Yishai, ma fu accantonato per "motivi politici".
Ora il piano non è più un'ipotesi. Già domani le autorità israeliane daranno il via libera alle strutture viarie delle future abitazioni.

Elisha Peleg, capogruppo del Likud al Consiglio comunale della città Santa, ha rilasciato, al Jerusalem Post, il seguente commento sulla costruzione delle nuove case:

Il congelamento delle attività negli insediamenti situati fuori dalla Linea Verde è finito. La decisione congiunta tra il ministero e il comune ha messo la parola fine a tale misura

Se a questa notizia si aggiunge quella di qualche giorno fa, ovvero la costruzione di 69 case per coloni a Gerusalemme Est, è facile intuire che gli auspici del governo americano per un piano di pace entro settembre sembrano destinati a rimanere tali

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO