Datagate: chi è Thomas Drake, il primo a denunciare le intercettazioni di massa

Edward Snowden nel suo ultimo messaggio ha citato l'ex ufficiale della Sicurezza Nazionale


Oltre a Bradley Manning, nel suo ultimo messaggio riportato da Wikileaks, l'ex analista della CIA Edward Snowden ha citato anche Thomas Drake, un altro funzionario dei servizi di sicurezza americani che ha deciso di denunciare gli abusi dell'amministrazione Usa.

Rispetto ad Assange, Manning e, per ora, Snowden, la storia di Thomas Andrew Drake è diversa, anche perché Drake ha affrontato a viso aperto le accuse da parte del governo del suo paese e ne è uscito vincitore, pure se a caro prezzo. Drake, figlio di un veterano della Seconda Guerra Mondiale ed egli stesso ufficiale decorato dell'aeronautica, nel 2000 è entrato nella National Security Agency (NSA), l'agenzia di sicurezza grande tre volte la Cia, con un bilancio di 80 milioni di dollari.

Nella veste di funzionario della NSA, Drake ha assistito all'implementazione del sistema di spionaggio e intercettazione che è poi sfociato nel Datagate denunciato da Snowden. Già alla fine degli anni '90 cominciò a organizzare i sistemi di raccolta di informazioni, e Drake nei primi anni 2000, utilizzando i canali ufficiali, fece esposti ai suoi superiori ritenendo che quelle attività fossero illegali. Non ottenendo risultati, nel 2005 Drake iniziò una corrispondenza con una giornalista del Baltimora Sun, stando però attento a non rivelare informazioni riservate.

Tuttavia nel 2007 l'FBI fece un raid nell'abitazione di Drake confiscando computer e documenti, Drake inizialmente collaborò con gli investigatori, che indagavano anche su altri colleghi che avevano denunciato le attività della NSA nei canali ufficiali, ma alla fine venne accusato di cospirazione e mandato sotto processo sotto l'Espionage Act. Drake rifiutò di dichiararsi colpevole, e nel 2011 tutte le accuse contro di lui sono cadute, e il governo ha rinunciato a proseguire l'iter giudiziario in cambio della dichiarazione di colpevolezza per uso scorretto dei computer dell'agenzia.

In questi giorni, Drake si è espresso su caso Snowden, dando all'analista informatico un paio di consigli da "esperto":

Trovi gli avvocati migliori e un luogo in cui per gli USA sia molto difficile chiedere l'estradizione. E controlli sempre tutto sei volte, come dicevamo noi piloti dell'Air Force.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO