Cosentino, la Giunta dice sì all'arresto. Schiaffo della Lega al Cav

La Giunta per le Autorizzazioni della Camera ha approvato la richiesta di arresto avanzata dalla Procura di Napoli nei confronti del deputato del Pdl Nicola Cosentino. Il coordinatore del Pdl campano è accusato di essere il referente politico del clan dei casalesi.

I sì sono stati 11, i no 10. Il voto, inizialmente previsto per le 14, era poi stato rinviato alle 16. I voti a favore sono stati 11, compresi i due della Lega. I no (Pdl, Pt, Misto e Maurizio Turco dei radicali) sono stati 10. A votare a favore oltre alla Lega anche Pd, Terzo Polo (Fli e Udc) e l'Idv.

Decisivi i voti della Lega, che così ha consumato lo strappo con gli ex alleati del partito di Silvio Berlusconi. “Maroni ha travolto le resistenze di chi non voleva rompere con Berlusconi sul caso Cosentino”, commentano al quartier generale della Lega. Con le pive nel sacco Calderoli, che voleva lasciare libertà di coscienza. Gongola Maroni “Nessun fumus persecutionis da parte dei giudici” che incassa il risultato.

Chissà come l’avrà presa Bossi? E il Cavaliere? La parola definitiva spetta ora all'aula, che deciderà giovedì.

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO