USA 2012 - Newt Gingrich vince le primarie in South Carolina

Newt Gingrich ha vinto in South Carolina

Usa 2012: è Newt Gingrich a vincere le primarie in South Carolina. Se non fosse che lo si era definito favorito dopo l'ultimo dibattito, il risultato sarebbe quasi una sorpresa. Invece non lo è, se non nei numeri. Perché se prendiamo in considerazione i numeri, la vittoria di Gingrich diventa addirittura schiacciante: ottiene 23 delegati con 243.153 voti (pari al 40,4% del totale). Mitt Romney si deve accontentare del 27,8% (167.279 voti). Terza piazza per Rick Santorum (102.055 per il 17%), quarta per Ron Paul (77.993, 13%).

La situazione delle primarie Repubblicane è dunque estremamente fluida: tre vittorie per i primi tre Stati al voto, segno che gli elettori repubblicani non sono affatto convinti a proposito del nome che dovrà fronteggiare Obama alle Presidenziali. In Iowa, dopo il riconteggio, la vittoria è stata assegnata a Rick Santorum e dopo la sconfitta in South Carolina, quello che doveva essere il favorito nazionale si trova solamente ad aver ottenuto un risultato utile su tre, quello in New Hampshire.

Romney ha cercato di minimizzare: «Ho sempre detto che vincere in South Carolina sarebbe stata un'impresa, per un ragazzo del Massachussets». E non poteva fare altrimenti: d'altro canto, anche nella scorsa tornata il South Carolina gli fu estremamente ostile: si piazzò appena quarto, nel 2008. La cosa paradossale è che il mormone del Massachussets perde consensi negli stati più conservatori perché passa per moderato e, verosimilmente, anche per la confessione religiosa. Ma non solo. A fronte di una campagna meglio organizzata e più ricca (la più ricca in assoluto fra i repubblicani), che gli consente di essere in corsa con buone speranze in tutti gli stati, Romney ha mostrato il fianco nel corso dei dibattiti, esibendosi in performance poco convincenti. Dall'altro lato, invece, Gingrich, che ha un'organizzazione meno sistematica alle spalle, ha ribaltato, proprio nei dibattiti, gli scandali che riguardavano il suo secondo matrimonio, utilizzandoli per attaccare la stampa. Ed ha convinto alla grande gli elettori di uno degli stati più conservatori dell'unione.

Santorum e Paul stanno a guardare. Ma prima o poi, verosimilmente, lasceranno. E la cosa potrebbe non essere una buona notizia per Romney, che potrebbe trovarsi a fronteggiare, anche negli stati in cui è favorito, un avversario che gode del favore di tutti gli ultra-conservatori, una volta che Santorum sarà più in corsa.

Ora si vola in Florida: è il prossimo appuntamento, l'ultimo del mese, il 31 gennaio. Secondo i sondaggi di USA Today (ultima rilevazione il 18 gennaio) Romney è ampiamente in testa. Ma lo era anche in South Carolina.

Primarie Florida 2012 - I sondaggi del 18 gennaio

[Lo speciale USA 2012 di Polisblog]
Foto | © TM News
Risultati dal NYTimes

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO