Siria: l'opposizione vota oggi per il nuovo leader

La coalizione è divisa al suo interno, oggi previsto un secondo scrutinio


Priva da marzo di un capo, oggi l'opposizione siriana si riunirà a Istanbul per eleggere un nuovo leader, anche se all'interno della coalizione sussiste ancora una netta spaccatura e nessuno dei due principali candidati è stato finora in grado di conquistare la maggioranza assoluta dei consensi. La Coalizione Nazionale delle Forze Rivoluzionarie Siriane di Opposizione è a Istanbul da giovedì per discutere sulla leadership e sulle strategie da adottare, prima ancora che trovare un nome che li guidi.

La coalizione è senza una guida dalla fine di marzo, quando l'ex capo dell'organizzazione, Moaz al-Khatib, si è dimesso a causa dei contrasti sulla posizione da tenere riguardo i possibili negoziati con il regime di Bashar Al Assad. È ancora questo uno dei temi caldi nel dibattito interno agli oppositori del presidente siriano, che proprio approfittando della mancanza di guida dei ribelli ha dichiarato che a breve annuncerà la vittoria nella guerra civile.

Al primo scrutinio, la coalizione non è riuscita a trovare un candidato unitario, e nel pomeriggio si terrà una seconda votazione tra i due sfidanti che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Si tratta di Ahmad Jarba, un capo tribale legato all'Arabia Saudita, e Mustafa al-Sabbagh, uomo d'affari legato al Qatar.

La coalizione, composta da 115 diverse forze di opposizione, si è spaccata in tre fazioni nel primo scrutinio: i Fratelli Musulmani, la fazione legata ad al-Sabbagh e i filo-arabi che appoggiano Jarba.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO