Maurizio Gasparri, prelievo da 400mila euro dalle casse del Pdl: l'indagine della Procura di Roma

La replica: "Non mi vengono in mente operazioni di importo così elevato, ho sempre operato nel rispetto della legge"

Il Corriere della Sera questa mattina riferisce una vicenda che riguarda il pidiellino Maurizio Gasparri: avrebbe infatti effettuato un prelievo da 400 mila euro dalle casse del partito.

Su segnalazione per così dire di 'routine' della Banca d'Italia (gli occhi sui conti dei partiti infatti sono ben aperti, specialmente dopo il caso Fiorito, condannato a 3 anni e 4 mesi di carcere per essersi impossessato di oltre 1 milione di euro sempre dalle casse del Pdl), la procura di Roma ha aperto un fascicolo per capire per verificare "se la somma sia stata utilizzata per fini politici o personali".

Gasparri infatti ha la delega a operare sui conti e ha replicato al quotidiano:

"Non sono stato chiamato dai magistrati ma posso solo solo dire che, al momento, non mi vengono in mente operazioni di importo così elevato. Conosco bene il codice delle norme contro il riciclaggio e ho sempre operato nel pieno rispetto della legge"

Al momento nel fascicolo dei pm non ci sono indagati.

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO