Rick Santorum vince in Colorado, Minnesota e alle primarie in Missouri

Rick Santorum vince in Colorado e Minnesota

Rick Santorum, con un colpo di scena ha rimescolato la storia delle primarie Repubblicane per le elezioni presidenziali Usa 2012. Se, infatti, dopo la buona vittoria in Florida e Nevada, Mitt Romney aveva smesso di rivolgersi ai propri avversari e aveva cominciato a lanciar messaggi direttamente al Presidente Barack Obama, qualcosa è cambiato, anche in maniera piuttosto drammatica, se vogliamo.

Il doppio caucus in Colorado e in Minnesota, infatti, ha riproposto il candidato come un serio rivale di Romney, che pensava di essersi liberato del suo avversario più credibile, Newt Gingrich e invece, ora, deve fare i conti con un rigurgito della pancia più conservatrice dell'America.

La questione si fa ancora più seria se si pensa che sia in Colorado sia in Minnesota Romney aveva vinto a mani basse persino nella corsa alla nomination repubblicana del 2008, quando poi fu sconfitto da John McCain. Rick Santorum, quest'anno, è arrivato a rovinargli una festa anticipata, portandosi a casa il 44,8% delle preferenze in Minnesota, con Romney (16,9%) superato addirittura da Ron Paul (27,2%).

In Colorado (dove Romney quattro anni fa superò addirittura il 60%), Santorum è al 40,2% e l'ex governatore del Massachussets solo al 34,9%.

E Santorum è passato all'attacco. Ha ringraziato Dio (ovviamente) per i risultati ottenuti e si è rilanciato per il futuro:

«Non sono qui per essere l'alternativa conservatrice a Mitt Romney. Sono qui per essere l'alternativa conservatrice a Barack Obama».

Come se non bastasse, ci si sono messe anche le primarie del Missouri.

Foto | © TM News

Perché Santorum ha vinto anche lì. Ora, il risultato di queste primarie non è vincolante e non assegna delegati, visto che il caucus in Missouri è previsto il 17 marzo. Ma il segnale è indicativo perché in Missouri hanno votato più persone che in Nevada (dove Romney ha vinto).

Santorum ha ottenuto 138.957 voti per un 55,2% che lo fa ben sperare. Romney arranca con 63.826 voti e il 25,3%. Gingrich addirittura non si è qualificato per il ballottaggio.

Nel computo generale dei voti definitivi, adesso, sorprendentemente, i due candidati hanno lo stesso numero di vittorie: 3 per Santorum (Iowa, Colorado e Minnesota) e 3 per Romney (New Hampshire, Florida e Nevada). E la storia delle primarie repubblicane va riscritta. Certo, è vero che Romney può ancora contare sulla campagna elettorale più potente, forte di una raccolta fondi senza precedenti, e che è molto difficile che Santorum possa dargli filo da torcere anche in futuro. Ma se non altro queste tre ultime tornate elettorali sono un segnale molto chiaro per il pretendente più ricco: deve svoltare a destra, se non vuole rischiare la sconfitta.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO