Iraq, attentato a Kirkuk: 31 morti

Ancora nessuna rivendicazione, si pensa alla minoranza sunnita della zona.

Attentato kamikaze ieri sera in un locale pubblico a Kirkuk, nord dell'Iraq. Il tutto è avvenuto attorno alle 22.20, ora locale, in una sala da the, dove la gente si era riunita al termine del digiuno giornaliero imposto in questi giorni di Ramadan, causando 14 morti.

Ancora nessuna rivendicazione da parte degli attentatori, anche se è noto come la zona di Kirkuk sia ricca di petrolio e contesa tra il governo iracheno, sciita, e i curdi del nord, che di fatto ormai fanno parte di uno stato autonomo ma sono ancora formalmente parte dell'Iraq. In tutto questo, la minoranza sunnita si trova presa in mezzo, e per reazione non esita ad adoperare il terrorismo.

Si tratta solo di speculazioni visto che, appunto, per il momento non c'è ancora stata nessuna rivendicazione. Quello che invece è certo è che il paese sta attraversando una escalation di violenze, solo a giugno sono morte 761 persone in attentati. Solo due giorni fa c'erano stati altri 14 morti a causa di un esplosione di un attacco nel nord ovest.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO