La Grecia paralizzata dallo sciopero generale contro la riforma del settore pubblico

Per ottenere nuovi aiuti, il governo deve licenziare 4000 dipendenti pubblici


Giornata di passione in tutta la Grecia per uno sciopero di 24 ore proclamato dai sindacati, e che interessa tutto il settore pubblico del paese. Dalle nostre parti ci si ricorda della Grecia solo in occasione dei vertici europei o di crisi di governo, ma la situazione nel paese ellenico è tutt'altro che tranquilla. Ne è la riprova la dura reazione alla proposta di riforma del settore pubblico presentata dal governo Samaras.

Il progetto di legge, che dovrebbe essere votato domani, prevede un piano di tagli e riorganizzazione che coinvolgerà quasi tutti i 700.000 funzionari pubblici del paese. Si tratta di una riforma necessaria per venire incontro alle ultime richieste della Troika Ue-Bce-Fmi, che prevedono il licenziamento di 4.000 dipendenti pubblici e il ricollocamento di altri 12.500. La legge in via di approvazione prevede una turnazione di 8 mesi in cui 4.200 lavoratori saranno tenuti in mobilità con il 75% del loro attuale stipendio, mentre chi rifiuterà di passare a un'altra amministrazione sarà licenziato.

Dall'approvazione di questa legge, che prevede anche liberalizzazioni del settore privato, dipende la concessione di una nuova tranche di aiuti dai creditori internazionali. Il progetto però sta incontrando la ferrea opposizione dei sindacati e dei lavoratori del settore pubblico, che hanno proclamato uno sciopero nazionale generale di 24 ore, e hanno minacciato altre iniziative per impedire l'approvazione della legge in un Parlamento già abbastanza diviso, soprattutto dopo l'ultima crisi di governo. È nell'ambito di questo progetto di revisione dell'intero comparto pubblico che nei mesi scorsi era stata chiusa la televisione pubblica.

Oggi si fermeranno quindi ferrovieri, controllori di volo e autisti dei mezzi pubblici, paralizzando in pratica il paese. Ad Atene sono previste due grandi manifestazioni di piazza convocate dal sindacato comunista Pame e un'altra organizzata dal sindacato privato GSEE.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO