Egitto: giura il nuovo governo di Beblawi

Alle Finanze c'è un economista con lunga esperienza di Banca mondiale, Ahmed Galal, un ex ambasciatore negli Usa Nabil Fahmy è agli Esteri, tre donne, di cui una copta, sono rispettivamente a Informazione, Ambiente e Sanità.

Ma gli scontri proseguono

Giura il nuovo governo di Hazem el Beblawi, mentre al Cairo nuovi scontri insanguinano l'Egitto, tra sostenitori del deposto presidente Mohamed Morsi e forze dell'ordine. Si contano sette morti. Ieri sera, 33 ministri del nuovo esecutivo hanno giurato nelle mani del presidente ad interim Adly Mansour.

Tra di loro, anche il ministro della Difesa e capo delle forze armate, Abdel Fattah el Sissi, vero e proprio regista della deposizione di Morsi. Da oggi, ricopre pure la carica di vice premier. Come a dire che i militari in Egitto in questo momento hanno una larga fetta di potere nelle loro mani. Non si è fatta attendere la reazione della Fratellanza musulmana, che ha additato il governo come "illegittimo, frutto di un golpe militare".

Come detto prima, le violenze della notte scorsa hanno illuminato di nuovo di fuoco il buio dell'Egitto dopo una settimana di relativa calma. I sostenitori di Morsi hanno cercato di bloccare il ponte del 6 ottobre, nodo strategico al Cairo. Sono intervenute le forze dell'ordine che hanno accusato i manifestanti di aver utilizzato molotov e proiettili. Altri scontri sono avvenuti vicino all'università della capitale dove, dal 30 giugno, si riuniscono i fan della Fratellanza per rivendicare la legittimità di Morsi.

La presidenza ha comunque fatto sapere di aver avviato un dialogo con la Fratellanza, condizione essenziale per arrivare più avanti all'elezione di un nuovo parlamento e di un nuovo presidente. I sostenitori di Morsi, però, non intendono intavolare trattative se l'ex presidente non verrà rimesso al suo posto. Il portavoce della presidenza, Ahmed al Moslemani, ha fatto sapere che Morsi è tenuto in un luogo segreto, dove viene trattato con il rispetto dovuto a un ex capo di Stato.

Ma oltre che dal ministero della Difesa, da chi è composto il nuovo governo? Alle Finanze c'è un economista con lunga esperienza di Banca mondiale, Ahmed Galal, un ex ambasciatore negli Usa Nabil Fahmy è agli Esteri, tre donne, di cui una copta, sono rispettivamente a Informazione, Ambiente e Sanità. Per venerdì, intanto, il Fronte 30 giugno, che raccoglie i movimenti che hanno dato vita alla rivolta anti Morsi, hanno chiamato a raccolta i propri sostenitori. "Per proteggere i risultati della rivoluzione.2".

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO