Decreto Imu e Cig, il Senato approva: diventa legge

Il decreto su Imu e cassa integrazione diventa legge: il Senato approva con ampissima maggioranza

Alla faccia delle grandi intese, la conversione in legge del Ddl su Imu e cassa integrazione in deroga ha tutta l'aria di un vero e proprio plebiscito parlamentare: il Senato ha approvato, poco fa, il provvedimento con 245 "si", 3 "no" e 16 "astenuti".

Il provvedimento, che approderà in settimana al Quirinale per la promulgazione del Presidente Napolitano, contiene la sospensione della rata Imu di giugno su prima casa, terreni e fabbricati rurali (ad esclusione della categoria "lusso"), il rifinanziamento della Cassa integrazione in deroga, il divieto del doppio stipendio per i membri del governo, e il rinvìo della scadenza dei contratti della PA.

"Il voto di oggi, con il quale il Senato ha approvato, in tempi brevi, la conversione del decreto-legge su IMU, CIG, precari PA, è stato possibile grazie a una costruttiva collaborazione con il governo: esso infatti ha voluto mettere al centro l'emergenza lavoro con l'integrazione del fondo per la cassa integrazione in deroga e con l'utilizzo dei contratti di solidarietà. [...] per quel che riguarda l'Imu la, seppur giusta, sospensione della prima rata, a lungo termine non è sufficiente: è necessario trovare una forma di prelievo più equo e non procedere verso una forma di abolizione incondizionata."

Con queste parole la vicepresidente del Senato Valeria Fedeli (Pd) ha salutato positivamente la conversione del decreto, sottolineando come ora il Parlamento possa finalmente cominciare ad occuparsi di lavoro e disoccupazione. Ben più critico il senatore capogruppo di Sel Luciano Uras, che non vede forza alcuna nella conversione del decreto in legge e spiega come il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga sia una semplice toppa sul buco:

"Si tratta dell'ennesimo ddl del governo inutile e pasticciato: inutile, perchè le coperture, e la cassintegrazione in deroga ne è un esempio, sono inadeguate e pasticciato perchè tra un mese dovremo tornare a discutere su un nuovo provvedimento aggiornato, con dotazioni finanziarie adeguate. Mi chiedo chi dell'esecutivo fa i conti e come si possano prendere cosi' in giro i cittadini rinunciando a dire la verità sulla situazione economica del Paese."

Tra i vari ordini del giorno accolti dal governo c'è quello presentato da Gal che impegna l'Esecutivo ad esentare dal pagamento dell'Imu gli immobili cosiddetti magazzino appartenenti alle imprese edili.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO