Femen: fuoco al quartier generale di Parigi

Origine ancora indeterminata per l'incendio che ha colpito alle prime ore di oggi il luogo cardine delle Femen.

Fuoco e fiamme li hanno scatenati davvero, le combattive Femen e direttamente nella loro sede parigina. Erano circa le 5 meno dieci di stamani, 21 luglio 2013, quando al secondo piano del civico 35 della rue Léon, nel noto quartiere popolare della Goutte-d’Or, XVIII° arrondissement della capitale, che ospita il théâtre du Lavoir Moderne Parisien (LMP), si è sviluppato un incendio, messo sotto controllo da una quindicina di pompieri un paio d'ore dopo. L'appartamento nel quale il fatto ha avuto luogo accoglieva al momento due persone, una delle quali risulta leggermente bruciata, ma è ancora mistero sui dettagli dell'accaduto, sul quale si rincorrono visioni spesso contrastanti, alimentate anche da alcuni tweet del conto ufficiale del gruppo, che spostano le fiamme di un piano, portandole nella camera della leader Inna Shevchenko, dando alle circostanze, se conferma ci sarà, un'aura ben più oscura:


Incidente o incendio doloso?


Anche se per il momento si ignorano le vere cause dell'incendio, per delucidare le quali è stata aperta un'inchiesta, ciò non toglie che risulta difficile non fare alcun riferimento ai recenti avvenimenti che hanno visto crescere l'odio e le minacce sui social. Le Femen sono state chiaramente contestate dai movimenti di estrema destra francese per essersi stabilite al Lavoir Moderne con il loro centro d'addestramento aperto al pubblico, ma hanno suscitato un bel polverone anche le dichiarazioni di Olivier Ciappa, uno dei due autori della nuova Marianne, iconico francobollo della République, che ha affermato di essersi ispirato anche alla Shevchenko per disegnare le fattezze di uno dei simboli del paese, ma anche dallo street artist Combo, che ha rappresentato i membri del gruppo a seno nudo, in una versione contemporanea del quadro "La libertà che guida il popolo" di Eugène Delacroix. Una polemica certo non smorzata dalla leader, recentemente passata sotto lo statuto di rifugiata in Francia che, secondo Libération, avrebbe dichiarato:

Le Femen hanno molti nemici che cercano di fermarle da parecchio tempo.

Foto by KENZO TRIBOUILLARD/AFP/Getty Images.Tutti i diritti riservati.

Via | leparisien.fr

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO