M5S, Gianroberto Casaleggio e la sua visione distopica: "Ci sarà uno shock economico che causerà disordini e rivolte"

Il guru del Movimento Cinque Stelle, intervistato da Gianluigi Nuzzi.

Il co-fondatore del Movimento Cinque Stelle e guru del partito di Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio, ha rilasciato una serie di dichiarazioni per niente rassicuranti circa il futuro del nostro paese.

Secondo la visione di Casaleggio, infatti, l'Italia andrà presto incontro ad uno shock economico di cui gli effetti saranno devastanti e incontrollabili. Queste sono state le sue dichiarazioni rilasciate al giornalista Gianluigi Nuzzi e apparse sul sito ufficiale di Beppe Grillo:

Io penso che il Paese avrà nei prossimi mesi, non so quanti, uno shock economico. Uno shock che potrebbe portare a una ridefinizione della rappresentanza politica oppure a uno spostamento della politica da problemi politici a problemi di carattere sociale: disordini, rivolte. Quindi qualcosa che non può essere dominato dalla politica. una guerra civile no. Sicuramente delle situazioni difficilmente controllabili dal punto di vista dell’ordine pubblico. Il Paese ha bisogno di una svolta e questa svolta tarda a venire mentre l’economia continua a peggiorare sensibilmente.

Sicuramente non tarderanno ad arrivare repliche polemiche a queste dichiarazioni che, da alcuni, potrebbero essere interpretate come un'istigazione.

Continuando con l'intervista, nella sua concezione del futuro politico nel nostro paese, Casaleggio ribadisce l'arretratezza della figura dei partiti:

I partiti sono una costruzione, un'organizzazione. Quindi come tutte le organizzazioni hanno un senso quando sono state create, ma nel tempo devono cambiare o si devono sostituire. Nessuna organizzazione è eterna. I partiti sono l’espressione, in particolare in Italia, più autentica della delega. Si delega al partito e il partito pensa per te. Oggi deleghi il partito, neanche più il parlamentare, perché non c’è il voto di preferenza. Il partito è una possibile espressione della volontà popolare. Oggi secondo me del tutto obsoleto.

Per Casaleggio, quindi, il futuro sarà la democrazia digitale:

La parola "democrazia digitale" è una parola molto più ampia del concetto di democrazia diretta. Ed è la democrazia diretta che si sta imponendo. Si sta imponendo in modo diverso da quello del paese, ma ha già portato alla ribalta le istanze di moltissime persone che prima non partecipavano alla vita politica. Democrazia diretta vuol dire portare, spostare verso il cittadino il peso delle decisioni, della partecipazione e quindi sostituire l’attuale delega, che è una delega in bianco, al parlamento. Quindi è l’irruzione del cittadino nella vita politica, il cittadino diventa un politico in prima persona. I tempi in cui questo si realizzerà non si possono sapere, nessuno può dirlo, ma credo che sia ineluttabile.

Casaleggio ha aggiunto che il Movimento Cinque Stelle non governerà mai insieme al Partito Democratico, almeno finché ci sarà lui:

Se Giorgio Napolitano chiedesse al M5S di entrare in un nuovo governo con il Partito Democratico? Uscirei dal movimento.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO