Laura Boldrini contro Grillo: "Linguaggio aggressivo e distruttivo. Insulta le Istituzioni"

La Presidente della Camera sottolinea che il Parlamento che lui offende è stato votato dai cittadini.

La Presidente della Camera Laura Boldrini ha reagito con un comunicato all'ennesimo attacco di Beppe Grillo alle istituzioni.
Il leader del MoVimento Cinque Stelle oggi attraverso il suo blog ha scritto che occorre "ripulire l'Italia come fece Ercole con le stalle di Augia, enormi depositi di letame spazzati via da due fiumi deviati dall'eroe". Grillo oggi ha attaccato le grandi opere secondo lui inutili come la Tav e l'Expo e ha insistito contro gli sprechi che continuano ad affliggere l'Italia.

La metafora mitologica e l'accostamento alle stalle e al letame non è piaciuta alla terza carica dello Stato soprattutto perché si va ad aggiungere a tutti gli altri insulti che Grillo in questi mesi ha rivolto alle Istituzioni.
Questa la reazione di Laura Boldrini:

"Il leader del Movimento Cinque Stelle dice di volere istituzioni migliori e più efficienti, ma i suoi costanti attacchi verbali contribuiscono non poco a screditarle e a far scadere il confronto collettivo: anche perché le sue offese possono autorizzare ogni cittadino a ritenere che questo sia il modo più efficace di intervenire nella discussione pubblica"

Poi la Presidente della Camera ricorda che anche i suoi deputati e senatori ormai fanno parte di quelle istituzioni che sono stati eletti dai cittadini:

"Grillo dimentica tra l’altro che il Parlamento nasce comunque, nonostante i limiti dell’attuale legge elettorale, dal voto di milioni e milioni di italiani, lo stesso che ha portato alle Camere anche 163 deputati e senatori del Movimento 5 Stelle. Grillo dovrebbe dimostrare più rispetto per i cittadini e per coloro che li rappresentano”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO