Sondaggi: Matteo Renzi superato da Enrico Letta

Il rottamatore scopre di avere un rivale. Che potrebbe mettere a rischio la sua candidatura a premier. Ma tutto dipende dalle regole delle primarie.

Non è che Matteo Renzi abbia perso popolarità nei sondaggi, il fatto è che - contro ogni aspettativa - Enrico Letta sta facendo passi avanti enormi nel gradimento dell'elettorato nei confronti dei principali leader politici. E così i due giovani (rispettivamente 38 e 46 anni) ex Dc del Partito Democratico si ritrovano appaiati. Non una buona notizia per Renzi, che nei primi sondaggi sulle primarie Pd appare senza contendenti, ma che con Letta (alle primarie per la premiership) potrebbe trovare pane per i suoi denti. Dipende tutto da che regole ci saranno.

Vediamo prima di tutti i dati Ipsos pubblicati dal Corriere della Sera: da maggio il gradimento di Letta passa dal 59 al 62%, mentre quello di Renzi scende dal 64 al 61%. Da notare che anche nei sondaggi Swg - escluso Napolitano - il premier era l'unico in grado di stare dietro al rottamatore, il distacco però era superiore ai dieci punti. Che significa? Che diversi istituti, come sempre, danno cifre diverse, ma che si può dare per assodato che al momento siano loro i due leader più popolari in Italia.

Il che è sicuramente una buona notizia per il disastrato Partito Democratico, che nonostante passi il tempo a litigare dimostra di aver al suo interno ancora risorse più che valide per il futuro. Le primarie per la premiership potrebbero essere una corsa a due tutta toscana (Enrico Letta è di Pisa, Matteo Renzi di Firenze)? Dipende.

Dipende dalle regole delle primarie per la segreteria Pd. Enrico Letta infatti a quelle per eleggere il nuovo segretario sicuramente non correrà (auspicabilmente per lui sarà ancora premier), ma se si deciderà che il segretario e il candidato premier devono essere due ruoli distinti, allora nemmeno Renzi si candiderà al vertice del partito e aspetterà le primarie per il candidato premier per tornare in corsa. Cosa che probabilmente farà anche Enrico Letta. E a quel punto si vedrà chi dei due è il preferito dagli italiani (almeno da quelli del Pd). C'è però un'incognita: il governo di larghe intese. Un suo naufragio, un immobilismo ancora più pronunciato, qualunque tipo di difficoltà potrebbero mettere in difficoltà la corsa di Letta, e dare nuovo slancio al sindaco di Firenze.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO