Attentato kamikaze in Pakistan: 49 morti al mercato di Parachinar

Due esplosioni nel mercato del capoluogo del Parachinar. Finora nessun gruppo ha rivendicato l’attentato

È di 49 morti e oltre 150 feriti il bilancio dell’attentato avvenuto ieri al mercato di Parachinar, capoluogo della zona Kurram, regione a nord ovest del Pakistan.

Due kamikaze in motocicletta si sono immolati in due punti diversi del mercato, nell’ora degli acquisti serali, quando le persone scendono in strada per acquistare i cibi per quando terminerà il digiuno del Ramadan.

Abitualmente molte persone affollano i mercati su strada di Parachinar, prima del tramonto e della spesa dell’iftar (cena). Centinaia di persone erano presenti durante le esplosioni ed ecco perché il numero dei morti è stato così elevato.

Le esplosioni sono avvenute a quattro minuti di distanza l’una dall’altra e l’attentato non è stato ancora rivendicato. Un gran numero di persone si è presentato all’ospedale di Parachinar per ricevere cure dopo le esplosioni ma i medici hanno avuto seri problemi per far fronte all’emergenza e hanno dovuto organizzare un’area per i soccorsi sul pavimento dell’ospedale e su un prato adiacente alla struttura.

La zona del Kurram è, da anni, teatro di attentati: gruppi di talebani cercano di rovesciare il governo pakistano con attentati suicidi e sparatorie contro le forze dell’ordine. Nella zona si verificano spesso atti di violenza settaria fra la maggioranza sunnita e le minoranze sciite.

Via | Al Jazeera

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO