Strauss-Kahn rinviato a giudizio: l'accusa è di sfruttamento della prostituzione

Strauss-Kahn rischia fino a dieci anni di carcere e una multa di un milione e mezzo di euro.

Rinviato a fgiudizio

Dominique Strauss-Kahn, ex direttore del Fondo monetario internazionale, è stato rinviato a giudizio con l'accusa di sfruttamento aggravato della prostituzione. Lo hanno deciso i magistrati francesi, in relazione a un giro di squillo che ruotava intorno all'Hotel Carlton di Lille, nel nord della Francia. Insieme a Strauss-Kahn, sono state rinviate a processo altre dodici persone.

L'ex uomo forte del Fmi e candidato mancato dei Socialisti per la corsa all'Eliseo si era dimesso dopo lo scandalo sessuale del Sofitel a New York, quando una cameriera lo accusò di stupro. Lo scorso 11 giugno, la procura aveva chiesto l'archiviazione per mancanza di prove, ma il tribunale si era preso tempo per prendere una decisione. Che ora è arrivata. Tra gli indagati, un'altra persona è stata rinviata a giudizio per complicità e abuso di fiducia.

Strauss-Kahn rischia fino a dieci anni di carcere e una multa di un milione e mezzo di euro. Tra gli altri rinviati a giudizio, ci sono Dominique Alderweireld, alias "Dodo le Saumure", proprietario di bar a luci rosse alla frontiera franco-belga, ma anche un commissario di polizia e diversi uomini d’affari, tra cui alcuni responsabili dell’Hotel Carlton di Lille.

Uno dei legali di Dsk, Richard Malka, ha immediatamente puntato il dito contro "l’accanimento dei giudici, fin dall'inizio, contro Strauss-Kahn". Per lui, la decisione risponde a "motivazioni ideologiche, politiche, morali, ma non è certamente fondata su un'analisi giuridica dei fatti". A firmare l'ordine di rinvio a giudizio sono stati i giudici Stèphanie Ausbart, Mathieu Vignau e Ida Chafai.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO