Egitto, Morsi sarà trasferito nella prigione di Mubarak: è in buone condizioni

A più di tre settimane dalla destituzione arrivano le prime notizie su Morsi: l’ex presidente egiziano è in buone condizioni e verrà presto trasferito nello stesso carcere dove è detenuto il suo predecessore Hosni Mubarak

Presidente egiziano deposto

Mentre nelle piazze delle principali città egiziane divampa una sanguinosa protesta con la popolazione spaccata in due fra i suoi sostenitori e i suoi oppositori, fra chi plaude alla sua destituzione e chi, invece, lo rivuole al potere, l’ex presidente egiziano Mohamed Morsi è recluso in un luogo sconosciuto e verrà successivamente trasferito nella prigione di Torah Mahkoum, all’estrema periferia meridionale del Cairo.

Questa settimana i figli di Morsi avevano chiesto lumi sulle condizioni del padre con il quale non avevano più avuto contatti dalla destituzione dello scorso 3 luglio. Ora si sa che le condizioni dell’ex presidente sono buone: ad assicurarlo è Nasser Aim, capo della delegazione della Ong egiziana sui diritti dell’uomo che gli ha reso visita ponendo fine alla ridda di illazioni sul luogo della sua detenzione.

In un primo tempo si pensava che fosse agli arresti domiciliari nel proprio ufficio presso il ministero della Difesa, successivamente si pensava che fosse agli arresti domiciliari nel proprio ufficio presso il ministero della Difesa e poi che fosse stato spostato nella caserma della Guardia Repubblicana.

L’unica certezza è che Morsi si trova attualmente in stato di custodia cautelare (anche) a causa di una sua presunta collaborazione con un movimento radicale palestinese che controlla la Striscia di Gaza. L’attuale ministro dell’Interno ha fatto sapere che Morsi verrà trasferito a Torah Mahkoum, nella stessa prigione in cui sono reclusi il suo predecessoreHosni Mubarak e i suoi figli Ala e Gamal.

Via | Xinhua

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO