Nasce 'Red': il software dalemiano del Pd

Chiamatela pure “Der”. Ma “corrente” no. Massimo D’Alema a Roma, al cinema Farnese, in pieno centro storico, presenta la sua creatura, quella anticipata a Maria Teresa Meli sul Corriere della Sera qualche tempo fa: l’associazione “Red”, Riformisti e democratici.

Dietro questo acronimo, chiarisce subito il leader Maximo, non c'è nessuna pretesa egemonica: “so che anche il colore di sfondo del logo potrebbe preoccupare qualcuno …. per questa ragione mi sono premunito di far fare la tessera di adesione verde”. In sala ridono tutti.

Peccato, però, che queste risate si trascinino anche fuori dal “Farnese”, in piazza Campo dei Fiori, dove, al termine della manifestazione, si commenta la serata. Al progetto “Red”, insomma - è la prima impressione - credono in pochi. Forse, solo i fedelissimi: i dalemiani doc.

Ecco perché sin da subito D’Alema è stato additato come “l’uomo che vuole farsi la corrente”. “Fare una corrente – dice – sarebbe stato più semplice. Red è un progetto ambizioso: sarà il software del Pd. Il luogo in cui non solo sarà possibile un confronto con la società ma, soprattutto, in cui si elabori cultura politica capace di mettere in campo sintesi nuove capaci di arrivare al “rimescolo”delle precedenti provenienze”.

La parola d’ordine, scandita a più riprese dai singoli intervenuti – da Livia Turco e Paolo De Castro, da Barbara Pollastini a Pierluigi Bersani, per citare i più noti – è, dunque, “mescolanza ”. Walter avrebbe detto “melting pot”. Ma, il senso è chiarissimo dato che la platea pullula di fedelissimi di Casini a cominciare dal senatore D’Onofrio, storico capogruppo dell’Udc a Palazzo Madama.

“Noi non vogliamo sostituirci al partito – fa notare, tuttavia D'Alema - ma facciamo quel lavoro che sta dietro e che fornisce alla politica elementi e materiali che aiutano la decisione: 'Red' è un'iniziativa che non mira a destabilizzare il Pd e se qualcuno ci chiederà altro, noi dovremmo resistere e non partecipare, basta con le polemiche sciocche che mettono in contrapposizione le associazioni con i circoli del Pd, soprattutto quando a farle sono i dirigenti”.

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO