Strage in Irpinia, oggi lutto nazionale: terminati i funerali a Pozzuoli

Funerali a Pozzuoli per le vittime della strage del viadotto sull'A16.

11.30: la cerimonia funebre si è conclusa con un grande applauso delle circa quattromila persone presenti in Chiesa. Vincenzo Figliolia, il sindaco di Pozzuoli è salito sull'altare per ringraziare i parenti delle vittime, le associazioni, le autorità presenti ai funerali e il presidente del Consiglio Enrico Letta.

10.36: inevitabile, durante l'omelia, anche un accenno alle indagini ancora in corso:

Ai magistrati spetterà fare chiarezza sulla dinamica dell'incidente per trovarne le cause, ad altri mettere in atto strumenti che non permettano che si verifichino altri incidenti. La prima solidarietà è il rispetto delle regole.

10.33: è iniziata la toccante omelia di monsignor Gennaro Pascarella, vescovo di Pozzuoli, trasmessa anche in diretta televisiva su RaiUno. Questo uno dei passaggi:

Di fronte ad una tragedia, in cui sono state troncate tante vite umane, forte è lo sconcerto, è difficile parlare. Ogni parola detta può suonare banale, fuori posto o solo formale. Verrebbe solo di tacere o gridare il proprio dolore. Solo nella parola di Dio troviamo orizzonte di speranza. Sguardo va su crocifisso trafitto, parola di Dio pienamente dispiegata.

9.50: sono già in corso i funerali delle vittime, in un palazzetto dello sport tragicamente attraversato da chiacchiericci e suonerie di cellulari. Enrico Letta è presente, come annunciato.

E' lutto nazionale oggi, nella giornata in cui verranno celebrati i funerali delle 38 vittime dell'incidente sul viadotto della A16 nella zona di Monteforte Irpino.

Le esequie si terranno a partire dalle 10.00 nel palazzetto dello sport di Monteruscello, frazione di Pozzuoli, dove ieri sera è stata allestita la camera ardente e dove sono già riuniti i familiari e i conoscenti delle vittime, oltre ai tanti che hanno deciso di rendere omaggio a chi non è sopravvissuto a questa tragedia.

Alla cerimonia, officiata dal vescovo, prenderà parte anche il premier Enrico Letta, che ieri ha annunciato la proclamazione da parte del Consiglio dei ministri di una giornata di lutto nazionale, prevista per oggi.

Le esequie saranno trasmesse in diretta tv da RaiUno a partire dalle 9.25.

Martedì 30 luglio lutto nazionale per la tragedia del bus dell'Irpinia

Durante la sua impegnativa giornata Enrico Letta ha più volte parlato della tragedia avvenuta ieri sera sull'autostrada A16 dove un pullman ha tamponato sei automobili e poi si è schiantato contro il guardrail andando a finire nella scarpata sotto il viadotto Acqualonga. 39 persone sono rimaste vittime di questo incidente incluso l'autista su cui verrà effettuata l'autopsia.

Già stamattina Enrico Letta, attraverso l'account ufficiale di Palazzo Chigi aveva definito questa come una "giornata molto triste per l'Italia per quello che è successo ieri notte", aggiungendo che non ci sono parole per una tragedia di queste dimensioni. Poi in Grecia, dove ha partecipato a un seminario sull'Europa e a un incontro con il premier ellenico Antonis Samaras, in apertura della conferenza stampa congiunta con il primo ministro greco ha prima di tutto ricordato le persone morte ieri sera e ha espresso la sua vicinanza ai loro famigliari.

Quando è tornato in Italia, Letta ha presieduto un Consiglio dei Ministri che ha deliberato il lutto nazionale per la giornata di domani, martedì 30 luglio, quando a Pozzuoli si svolgeranno i funerali delle vittime che provenivano tutte da cittadine della zona.

Ovviamente sono molti i politici che sono intervenuti con dichiarazioni sulla vicenda in Irpinia e il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha avuto il compito di annunciarlo anche a Papa Francesco che ha ricevuto a Ciampino. Il Papa, di ritorno dalla Giornata Mondiale della Gioventù in Brasile, è sembrato subito colpito dal triste annuncio del vice-premier.

Ecco il tweet con cui il Presidente del Consiglio ha dato l'annuncio:


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO