Minacce di morte per D'Alema e Violante. Inquietante lettera di una cellula anarchica

Una inquietante e farneticante lettera con minacce di morte, indirizzate al presidente del Copasir, Massimo D'Alema, e all'ex presidente della Camera Luciano Violante, è stata recapitata stamattina al Palazzo dell'Informazione del Gruppo Adnkronos.

La missiva è siglata Fai, Federazione Anarchica informale e indica Violante e D'Alema come i "veri responsabili del nostro disagio politico-sociale". "Questa cellula romana li condanna a morte - prosegue - Dopo aver ascoltato il nostro popolo e per ricordare i nostri compagni detenuti in Indonesia e in Italia".

''Solidarietà e vicinanza'' sono espresse dalla capogruppo Pd al Senato, Anna Finocchiaro anche a nome dei senatori e delle senatrici democratici, a Massimo D'Alema e Luciano Violante per la lettera con minacce di morte ricevuta.

''Voglio esprimere, anche a nome delle senatrici e dei senatori del Pd, grande solidarietà e vicinanza a Massimo D'Alema e Luciano Violante per le minacce di morte di cui sono stati fatti oggetto attraverso una lettera, sembra di provenienza anarchica, recapitata all'Adnkronos'' afferma Finocchiaro.



''Sono certa che gli inquirenti faranno luce sulla vicenda, considerato che il contenuto di questa missiva è davvero inquietante - aggiunge -. Il Partito Democratico si stringe a Massimo e Luciano, che non si lasceranno intimidire e continueranno a dare il loro prezioso contributo alla vita politica del Paese''.

Anche il presidente dell'Udc e vice presidente della Camera Rocco Buttiglione esprime la "massima e piu' sentita solidarietà a Massimo D'Alema e Luciano Violante per le vili minacce di morte ricevute oggi. Ogni forma di intimidazione e di violenza va respinta senza tentennamenti. Questa è più che mai l'ora di lavorare tutti insieme per il bene dell'Italia".

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO