Riforma lavoro - I sindacati verso una proposta, Fornero: «Non si può discutere all'infinito»

Luigi Angeletti, Raffaele Bonanni, Susanna Camusso: proposta sulla riforma del lavoro

Riforma del lavoro - In vista dell'incontro fra Governo e parti sociali di domani, 20 marzo 2012, Cgil, Cisl e Uil giocano la carta a sorpresa: ieri è stato organizzato in tutta fretta un incontro fra i tre segretari confederali, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti. Obiettivo? Arrivare alla trattativa di domani con una proposta alternativa, condivisa - e verosimilmente anche sostenuta dal Pd - sull'articolo 18.

Ma andiamo con ordine: ieri sera, Elsa Fornero ospite a Che tempo che fa aveva fatto capire senza troppi giri di parole che il Governo è convinto della bontà del proprio operato, che il fatto che si lamentino tutti conferma che si stia agendo per il bene del Paese e che non si possa «discutere all'infinito». Al Governo dei tecnici proprio non piace discutere troppo. Nemmeno sulle questioni che possono mutare radicalmente l'assetto del Paese.

Nel frattempo, nel Pd e fra i sindacati si è fatto strada il dubbio che nell'esecutivo in molti premano per una deregulation molto più corposa di quella per ora prevista dalla bozza sui contratti. E così, se da un lato la Camusso "strappa" e prova a chiedere l'estensione dell'articolo 18 anche alle piccole aziende, dall'altro si forma - stando a quanto racconta Repubblica - un inedito asse Pd Cisl (con il partito di Bersani sempre più rivolto al centro) per provare a ricucire la trattativa. L'operazione potrebbe anche essere virtuosa: se oggi i sindacati riusciranno nell'intento di scrivere la loro proposta, domani il Ministro Fornero dovrà per forza tenerne conto. Non solo: per i sindacati - oggi raffigurati, in una vignetta di Giannelli sul CorSera, nella personificazione dei loro segretari confederali, nudi di fronte a Monti - potrebbe anche essere l'occasione di mostrare la propria vitalità. E per il Pd un tentativo estremo di ricucire sul tema-lavoro con la propria base "a sinistra", che già non gradisce molto gli amichevoli accordi con Pdl e Udc. Riusciranno tutti nell'impresa? Aspettiamo di leggere la proposta congiunta, intanto: sarebbe un primo segnale.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO