Trattativa riforma del lavoro: il live twitting della CGIL


Inutile negarlo: la riforma del mercato del lavoro è uno dei temi politici più importanti del momento. La trattativa procede lentamente, le parti in causa hanno varie posizioni sui tre temi centrali (articolo 18, contratti, ammortizzatori sociali), ma l'account twitter della CGIL (da cui è tratta la foto, scattata nella sala verde di Palazzo Chigi durante la riunione attualmente in corso tra governo e parti sociali) sta seguendo in diretta la trattativa, con aggiornamenti live provenienti dalla riunione.

Ecco le principali novità del vertice. Monti ha introdotto la riunione dicendosi "grato per l'intensità con cui avete partecipato tutti al processo rivolto a dare un assetto più moderno all'economia e alla società italiana". Lo stile professorale, come vedete, non manca mai. Il ministro Fornero ha proseguito: "il contratto di lavoro a tempo indeterminato diventa dominante su altri per ragioni di produttività e legame tra lavoratori e imprese".

Per quanto riguarda gli altri contratti, la Fornero ha aggiunto: ci saranno "vincoli stringenti e efficaci su contratti intermittenti e a progetto". Il percorso lavorativo, secondo il ministro, inizierà con l'apprendistato "vero", vale a dire "un investimento per formazione e non uno strumento di flessibilità". Infatti, "l'apprendistato è il contratto sul quale imprese e lavoratori si devono impegnare per un incremento della produttività, necessario per crescita".

Seguiteci dopo il salto, gli aggiornamenti non sono finiti...

Il ministro Fornero ha detto che i contratti di associazione in partecipazione possono riguardare solo i familiari di primo grado. Ha anche spiegato che sulle discriminazioni "non cambierà nulla".

Riguardo all'articolo 18, "per i licenziamenti disciplinari sarà previsto un rinvio al giudice che deciderà per il reintegro nei casi gravi o per un'indennità con massimo 27 mensilità."

La Fornero comunica che i "nuovi ammortizzatori sociali (Aspi) entreranno in vigore a regime nel 2017". Quindi, Aspi "ancora in transizione nel 2016. Ipotesi precedente era entrata a regime nel 2015". Il ministro illustra altri punti relativi all'articolo 18: "Reintegro per licenziamenti discriminatori si estende a tutte le imprese, anche quelle sotto i 15 dipendenti".

Nota di colore retwittata dal profilo CGIL: "a Palazzo Chigi vietato il consueto giro di tavolo per le foto, forse non ci sarà neppure la conferenza stampa. Fotografi molto arrabbiati". Segno evidente che la trattativa sta creando più di un problema alle parti in causa. Oppure, semplicemente, la ormai trita e ritrita sobrietà montiana sta raggiungendo livelli mai visti prima.

Torniamo seri: il ministro Fornero conferma la scadenza del 23 Marzo per il confronto sulla riforma del mercato del lavoro. "Entro venerdì si chiuderanno i testi". Ovvero, presumibilmente, i disegni di legge. Aggiunge il ministro: "contrasto a reiterazione contratti a tempo determinato: dopo 36 mesi scatterà il tempo indeterminato".

Parla la Marcegaglia. Intanto, Oliviero Diliberto (do you remember him?) ha detto che dalla Fornero è arrivato un attacco alla dignità dei lavoratori.

Da qualche minuto non arrivano aggiornamenti. O hanno impedito alla persona che aggiornava il live twitting di continuare, oppure c'è qualcosa di grosso in serbo per voi...

Raffaele Bonanni: "giudizio positivo ma lavorare ancora". Stefano Menichini traduce: al leader CISL piace la proposta del governo.

Claudio Cerasa, del Foglio: "si comincia: domani dalle 9 alle 11, a Torino, sciopereranno, contro riforma Fornero, i lavoratori iscritti alla Fiom dell'Alenia di Caselle".

Clamoroso twit da Tommaso Labate dell'ormai ex Riformista: Fotografi e cameramen hanno lasciato la sala stampa di Palazzo Chigi per protestare contro la foto twittata dal profilo della CGIL. Nel caso il twit corrispondesse al vero e non fosse una battuta, sembra proprio che la foto che abbiamo anche noi in home si sia rivelata essere un passo falso per la Camusso.

Il twit di Labate è confermato: sul sito del Fatto Quotidiano trovate un video della protesta dei fotoreporter. E subito la mente corre alla foto dell'incontro tra Alfano, Bersani e Casini con Monti...

Twit fresco fresco dalla CGIL: "Confronto su lavoro prosegue. Nuovo appuntamento giovedì alle 16". Insomma, tutto rimandato a dopodomani. Menichini commenta: "alla Cgil è stato dato (giustamente) il tempo di riunire domani il direttivo".

Riunione conclusa. Grazie per averci seguito!

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO