D'Alema e Veltroni, arieccoli! E Reichlin si chiede: "Cos'è il Pd?"

Arieccoli, Massimo D’Alema e Walter Veltroni, sempre pronti a tornare sotto i riflettori ogni volta che il governo (di turno) vacilla, il quadro politico va in subbuglio, il Pd torna a rischio scissione.

Il refrain è sempre lo stesso. Dice D’Alema: “Il Pd e il Terzo Polo, in futuro, potranno governare insieme. Questo di Monti è un governo d'emergenza, dopo l'emergenza ci saranno le elezioni”. Già. Dice Veltroni: “L'alleanza tra centrodestra e centrosinistra che tiene in piedi l'esecutivo Monti è irripetibile”. Già. Aria fritta, o poco più.

Il Sole 24 Ore scrive che una delle tante società finanziarie, la Black Rock, gestisce 3513 miliardi di dollari, una cifra una volta e mezza il Pil italiano. E qui si manda per aria tutto per l’articolo 18?

Le statistiche e le dichiarazioni dei redditi illustrano un’Italia double face: i più ricchi sono sempre più ricchi mentre pensioni, salari e stipendi sono i più bassi d’Europa. La spesa pubblica avanza travolgendo ogni (piccolo) argine, i servizi pubblici sono sforbiciati a pioggia, rendite e speculazioni dilagano e crescono intoccate. Le tasse falcidiano sempre gli stessi.

In questo quadro, Alfredo Reichlin si chiede oggi su l’Unità: “Che cos’è il Pd?”. E che fa, aggiungiamo noi?

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO