Le 7 sorelle si vendicano a Bagdad: l'Iraq, la guerra, il petrolio


La storia della guerra in Iraq è ormai nota a tutti, come sono stati ormai rivelati le bugie e gli inganni messi in campo per giustificare l'invasione di quel paese. Però, visto che stiamo per fare il bis con l'Iran (naturalmente anche lì sarà necessaria una guerra per riportare la democrazia e sventare la minaccia delle armi di distruzione di massa..) può essere interessante leggere il pezzo che Mimmo Càndito ha pubblicato oggi su La Stampa:

La pistola fumante che inchioda Bush e Cheney alle loro colpe sulla guerra lanciata cinque anni fa la si potrà trovare lunedì prossimo sulla scrivania del Ministro iracheno del petrolio quando, schierate di fronte a lui, siederanno con la penna già in mano le «sette sorelle», o comunque quanto resta di loro dopo le fusioni, pronte a firmare il contratto che gli concede di tornare a metter le mani sul petrolio della Mesopotamia. Le aveva rimandate a casa più di trent'anni fa Saddam Hussein, con un decreto di nazionalizzazione degli idrocarburi; ma ora che Saddam è stato messo a tacere, le majors possono godersi il miele della vendetta e rientrare in pompa magna a farsi i loro affari. Questa è la notizia che circola in molti blog americani negli ultimi giorni, a dire qual è l'umore sprezzante che sempre più viene rivolto al Presidente e alla sua politica irachena, con lo stillicidio quotidiano dei 4 mila morti interrati nella coscienza della nazione.

Cadute le facili illusioni ... dei primi giorni di quel 2003, nell'opinione pubblica ha finito per acquistare sempre maggiore credibilità l'ipotesi che la vera ragione di questa guerra fosse il petrolio, altro che «la democrazia da esportare». E l'Iraq, di petrolio ne ha davvero un mare. Le sue riserve conosciute sono di 115 miliardi di barili (più i 45 miliardi di metri cubi di gas), che è una cifra che lo mette al terzo posto della classifica mondiale; ma nelle settimane che precedettero il lancio della guerra l'Energy Information Agency del governo americano dava una stima assai più elevata, di 332 miliardi di barili, valutando che nella pancia del deserto occidentale ci siano riserve preziosissime, che porteranno l'Iraq al primo posto dei paesi produttori, sopravanzando di 70 miliardi di barili perfino l'Arabia Saudita, oggi il più ricco di pozzi e di petrodollari.

A confortare il giudizio amaro sui reali interessi di Bush e di Cheney - legati da sempre al mondo petrolifero, che gli finanziò la campagna elettorale dopo averli avuti anche come qualificati membri dei consigli di amministrazione - è la specifica che accompagna i contratti da firmare lunedì: contrariamente a quanto si pratica in questo comparto industriale, gli accordi sono stati raggiunti a trattativa privata, senza alcun bando pubblico, che è come dire che la Exxon Mobil, la Shell, la Total e la Bp (che facevano parte di quell'Iraq Petroleum Company che gestiva i ricchi affari iracheni prima di Saddam), più la Chevron-Amoco potranno spartirsi l'oro nero iracheno indisturbate, senza concorrente alcuno.

L'Iraq, che oggi produce 2 milioni e mezzo di barili al giorno (ma, con investimenti adeguati e un incisivo rinnovamento tecnologico, frenato a lungo dall'embargo contro Saddam, potrebbe arrivare fino a 6 milioni), conta di avere dai nuovi soci una immediata capacità di portare la produzione a 3,1 milioni già entro l'anno; e giustifica il contratto «di favore» con due spiegazioni: l'alto know-how delle majors, che potranno aiutare l'industria irachena a migliorarsi decisamente, e poi la durata del contratto limitata a 2 anni. «Poi si ridiscuterà».

Certo ogni illusione è lecita, poi. Il Columbia Journalism Review, pubblicando recentemente in un numero speciale i più importanti reportage sulla guerra, stampava anche quanto aveva detto ai suoi ascoltatori l'inviata della National Public Radio, Anne Garrett: «Gli iracheni, al nostro arrivo, erano scioccati per il fatto che i soldati americani non facessero niente contro le violenze e i saccheggi, e ricorderà per sempre che praticamente l'unico edificio a essere protetto era il ministero del Petrolio; questo ricordava a tanti il motivo per il quale gli Stati Uniti si trovavano là».

Foto: YourLocalDave

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO