Ore 12 - Lega Nord "pecora nera"? Partiti mangiasoldi, adesso basta!

altroAnche stavolta, per il “casino” Lega, vale quanto ripetuto in altre occasioni: l’iter giudiziario deve fare il suo corso e nessuno è penalmente colpevole prima del verdetto definitivo del tribunale.

Ma il verdetto politico è già emesso ed è inequivocabile: condanna il partito personale di Umberto Bossi e i partiti Made in Italy della seconda Repubblica. Non possono sfuggire le differenze fra un partito e l’altro ma la sostanza è una sola: attraverso una legge sui cosiddetti rimborsi elettorali, (vera e propria trovata “truffaldina” -tot euro a voto- per aggirare il referendum del 1993 che bocciò la legge Piccoli del 1974 sul finanziamento pubblico) ai partiti giunge un inesauribile fiume di soldi dei cittadini che pagano le tasse: quasi 2 miliardi e mezzo di euro dal 1994 al 2008!

Con quella montagna di soldi (di tutti gli italiani) i partiti costruiscono e sviluppano i propri imperi, sostituendo gli interessi generali del Paese con quelli personali, di gruppo e correnti. Non bastasse, c’è il rubinetto malavitoso delle tangenti, personali o di partito fa lo stesso, ed il cerchio è chiuso.

E’ questo il cancro che strozza il Paese. C’è ancora qualcuno che crede che questi partiti siano in grado di cambiare e di riformarsi?

Adesso Bossi cade dalle nuvole. Un film già visto. E gli italiani, in fila, pagano il biglietto per assistere allo "spettacolo". Fino a quando?

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO