Accorpamento festività 2012: ma il 25 aprile è festa?

accorpamento 25 aprile 2012 Una vita fa: c'era Giulio Tremonti al ministero dell'Economia e spuntavano fuori decreti anticrisi come funghi. Era l'estate scorsa, quella del 2011: e si discuteva molto di accorpamento delle festività laiche e religiose. Fu subito scandalo: il 25 aprile, il 1° maggio e il 2 giugno rischiavano di essere sacrificati, "appoggiati" al lunedì o al venerdì più vicino alla festività per evitare che gli italiani costruissero ponti vacanzieri con campate troppo lunghe. Io pubblicai anche uno speciale all'epoca, diviso in due parti - qui la prima, qui la seconda - in cui si riassumeva la situazione.

Una bruttissima idea, dal punto di vista simbolico: ma soprattutto una brutta idea che mandò nel panico molti milioni di italiani. Infatti anche oggi molti si chiedono - e se lo chiedono sempre più spesso, visto che la data si avvicina - se il 25 aprile sarà festa. Rilassatevi, perché sentivo al bar stamattina ancora gente che aveva il dubbio. Il 25 aprile sarà festa. Esattamente come il 1° maggio e il 2 giugno (che però quest'anno cade di sabato). Si sta a casa dal lavoro, si va in manifestazione, si fa quel che si vuole, ma tendenzialmente non si lavora - almeno nel caso della maggioranza degli italiani, ce ne sono comunque un sacco che in quei due giorni non hanno possibilità di fare soste.

Com'è che è andata a finire in fanteria l'ideona di Tremonti, che avrebbe permesso di risparmiare qualche micron di Pil? Lo raccontava già a settembre 2011 il nostro Alberto Puliafito. Un emendamento del PD in Commissione Bilancio aveva bloccato l'accorpamento.

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO