Ore 12 - Elezioni, Berlusconi ... "desaparecido"?

altroIn tempo reale, i mercati reagiscono con il pollice verso al verdetto anti-rigore del voto di Parigi, Atene e Berlino. Fortuna, si fa per dire, che in Italia i risultati si sapranno oggi pomeriggio e che al voto amministrativo sono chiamati “solo” 9 milioni di italiani.

Si sa già che solo la metà (circa) voterà e che i “grandi” partiti usciranno con le ossa rotte. Più di tutti il Pdl, il cui padre-padrone tende a togliere valenza politica a questa tornata elettorale, tant’è che lascia i suoi, orfani, volando a Mosca dall’amico Putin.

Berlusconi sa bene l’aria che tira in queste elezioni, tant’è che si è ben guardato dal metterci la faccia. Solo un anno fa il viso tirato a lucido del Cavaliere troneggiava su tutti i manifesti elettorali e nel logo dei principali candidati Pdl: “Silvio Berlusconi per Letizia Moratti”, “Berlusconi per Gianni Lettieri”.

Così ovunque: il Cavaliere supporter, promoter, valore aggiunto (insostituibile) dei candidati e del centro-destra, in tutta Italia dove si votava per le amministrative di allora. Che fine ha fatto?

Perché il “ghe pensi mi” è stato totalmente assente nella campagna elettorale e oggi dimostra platealmente il proprio disinteresse dal risultato rifugiandosi da Putin? Per i candidati del Pdl o per quelli delle liste civiche vicine al Pdl, Berlusconi è diventato figura ingombrante, sinonimo di sconfitta.

Il Cav lo sa. Così come sa chi incolpare domani per la debacle annunciata. E’ pronto a girar subito pagina e a tirar fuori l’ennesimo coniglio (di pezza) dal proprio cappello. Certo che gli italiani lo seguiranno. Come il pifferaio di Hamelin.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO