Chi è Gianni De Gennaro? Dal G8 alla Diaz, dai rifiuti a Napoli ai servizi segreti

Gianni De Gennaro La nomina di Gianni De Gennaro a Sottosegretario con delega alle attività di intelligence è un chiaro segno politico, comunque la si voglia
mettere.

Politico nel senso più profondo del termine. Politico nel senso che De Gennaro è una figura trasversale, essendo stato sostenuto (ed essendo sostenuto ancora oggi) da svariate parti politiche. Politico nel senso di dichiarazione di intenti, soprattutto in un periodo in cui i toni della stampa si alzano e ritorna in azione, secondo media e investigatori, la Federazione Anarchica Informale (sigla molto sospetta, descritta per la prima volta dai Servizi Segreti nel secondo semestre del 2004, che suona esattamente come la FAI - Federazione Anarchica Italiana, che rifiuta qualsiasi forma di violenza nelle proprie azioni). Impossibile non vedere un legame fra le due cose.

Gioisce, per la nomina, Massimo D'Alema, che dirige ancora oggi il Copasir (che sarebbe il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, organo del Parlamento con funzioni di controllo dei servizi segreti):

«Ho preso atto della positiva decisione del presidente del consiglio di nominare il prefetto Gianni De Gennaro Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica e della sua sostituzione, nel ruolo di direttore generale del Dis, con l'ambasciatore Giampiero Massolo, la cui designazione mi è stata preventivamente comunicata ai sensi della legge 124 del 2007».

Gioisce anche Gianfranco Fini, che ha

«personalmente espresso viva soddisfazione al prefetto Gianni De Gennaro per la sua nomina a sottosegretario di Stato della Presidenza del Consiglio».

Apprezzano Schifani, Casini, Rutelli. Si lamenta un po' l'Idv, ma per l'accumulo di cariche. Protesta una parte della sinistra (quella a sinistra) e qualcuno sul web.
Già, perché per molti il nome di Gianni De Gennaro resterà indissolubilmente legato al G8 di Genova e ai fatti della scuola Diaz.

Questo, anche se la verità giudiziaria si è espressa in maniera discorde dal pensiero comune.

Nel 2001, De Gennaro era capo della Polizia (era stato nominato il 26 aprile del 2000).

Ad aprile del 2008 venne rinviato a giudizio per istigazione alla falsa testimonianza nelle indagini inerenti al G8 e alla Diaz. L'8 ottobre 2009 viene assolto nella sentenza di primo grado. Sentenza poi ribaltata in appello, con condanna a un anno e quattro mesi di reclusione (era il 17 giugno 2010). Ma poi arrivò il terzo grado di giudizio: il 23 novembre 2011 De Gennaro venne assolto in Cassazione: la sentenza fu pronunciata con il sostituto procuratore generale, Francesco Mauro Iacoviello, che (pur in rappresentanza dell'accusa) aveva chiesto di annullare senza rinvio la condanna in appello. Così andò. Per la cronaca, Iacoviello è lo stesso dell'annullamento del processo a Dell'Utri.

Il nome di Gianni De Gennaro è legato anche all'emergenza rifiuti a Napoli: con ordinanza n. 3639 dell'11 gennaio 2008, il Presidente del Consiglio Romano Prodi nominò (nuovo) commissario per l'emergenza rifiuti l'ex capo della Polizia di Stato Gianni De Gennaro. Obiettivo? Risolvere tutto in quattro mesi. Ovviamente non si risolse molto e la situazione degenerò con gravi problemi per l'ordine pubblico. Poi arrivò Guido Bertolaso, ma questa è un'altra storia.

Nel frattempo, De Gennaro è diventato direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (i Dis. Ovvero, i servizi segreti), con nomina del Copasir. Una carriera ascendente (e trasversalmente politica) culminata con la nomina di ieri.

Foto | TM News

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO