Nigeria: ucciso il capo di Boko Haram

Abubakar Shekau, capo del gruppo terrorista islamico nigeriano Boko Haram, sarebbe stato ucciso dopo essere rimasto ferito in una sparatoria con i soldati.

Terrorista riconosciuto internazionalmente

Abubakar Shekau, capo del gruppo terrorista islamico nigeriano Boko Haram, sarebbe stato ucciso dopo essere rimasto ferito in una sparatoria con i soldati. Lo dice l'esercito nigeriano in una nota, citando "rapporti dei servizi di intelligence". Questo il testo del comunicato delle forze armate di Abuja: "Rapporti di intelligence rivelano che Abubakur Shekau, il più temuto e ricercato leader di Boko Haram, potrebbe essere morto tra il 25 luglio e il 3 agosto 2013".

Pochi giorni fa, l'esercito della Nigeria aveva annunciato l'uccisione anche del numero due di Boko Haram, Momodu Bama, alias Abu Saad. In risposta all'attacco terroristico del 4 agosto condotto dal movimento islamista che ha instaurato un clima di terrore in tutto il Paese. Abubakar Shekau era diventato capo del gruppo fondamentalista nel 2009, dopo la morte del fondatore Mohammed Yusuf.

Boko Haram, ossia il Popolo per la Propagazione degli Insegnamenti del Profeta e della Jihad è diffusa soprattutto nel nordest della Nigeria. E' organizzata come una setta musulmana, fondata tra il 2001 e il 2002. Ha come obiettivo l'abolizione del sistema secolare e l'imposizione della sharia nel Paese. Tanti gli attentati ai danni delle Chiese cristiane del Paese africano da parte del gruppo islamico.

Yusuf, il fondatore, dopo la costituzione del movimento, riuscì a portare ad aderire numerosi giovani disoccupati "parlando male della polizia e della corruzione politica". Dal 2009, Boko Haram è diventato famoso anche oltre i confini nazionali per le violenze religiose esplose in Nigeria. Non è chiaro se il gruppo sia legato anche al terrorismo internazionale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO