Israele, Netanyahu al contrattacco: "Chi ci fa del male, si farà male"

Oltre che con le parole, Israele ha reagito pure sul campo. L'aviazione israeliana ha infatti bombardato un obiettivo in Libano, secondo quanto dichiarato da un portavoce.

Rappresaglia di Tel Aviv

"Chiunque ci farà del male, si farà male". Il premier israeliano Benjamin Netanyahu passa al contrattacco dopo il lancio dei missili libanesi nei pressi della città di Nahariya, nel nord del Paese. Minaccioso, il numero uno del governo israeliano, annuncia: "Abbiamo numerosi strumenti, sia di difesa sia di prevenzione e noi agiamo sempre con responsabilità".

E ancora: "La nostra politica è chiara: proteggere e prevenire". Poco prima, una fonte militare di Tel Aviv aveva confermato che i razzi sparati questa mattina sono quattro e che uno è stato intercettato in volo dal sistema di difesa anti missili Iron Dome: "Gli altri tre sono atterrati in zone disabitate vicino a Nahariya", che si trova al confine con il Libano.

L'allerta in tutta la regione permane alta, i cittadini sono stati invitati a "restare a casa fino a nuovo avviso" da parte del servizio di pronto intervento sanitario d'Israele. Al momento, comunque, non si hanno notizie di danni o feriti, né di "possibili nuovi lanci di razzi" dal territorio libanese. Netanyahu, nel suo comunicato, ha rassicurato i cittadini: "Stiamo lavorando su tutti i fronti, a nord e sud, per proteggere i cittadini israeliani da questi attacchi".

Oltre che con le parole, Israele ha reagito pure sul campo. L'aviazione israeliana ha infatti bombardato un obiettivo in Libano, secondo quanto dichiarato da un portavoce. Una fonte ha detto che il sito terroristico bersaglio dell'aviazione si trova vicino Nàameh, tra Beirut e Sidone. Secondo la tv libanese al-Manar, che cita un gruppo di militanti palestinesi, sarebbe stata colpita la base di Nàameh. Il Fronte popolare per la Liberazione della Palestina - Comando Generale - si è detto sorpreso di essere stato preso come bersaglio in quanto il lancio del primo razzo sparato ieri dal Libano verso Israele era stato rivendicato da un gruppo musulmano sunnita separato, collegato ad al Qaeda.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO