Partiti come avvoltoi sui ballottaggi. E i salari sono fermi da 20 anni ...

Mentre si discute (si fa per dire) se i recenti ballottaggi hanno portato nel Belpaese il vento di Primavera, il Paese reale resta inchiodato nella crisi più solida e devastante degli ultimi decenni.

Il bipolarismo, la seconda Repubblica, il berlusconismo del Bunga bugna, le panzanate di Bossi, le alternative fasulle della sinistra e del PD, i tatticismi dei moderati alla Casini ci hanno regalato Beppe Grillo.

Ma siamo solo a metà percorso: nessuno sa se si scollina verso la pianura fertile o se ci si imbuca definitivamente nelle sabbie mobili, senza possibilità di uscita.

Intanto, fra furbi e furbetti alimentati e coperti dai soliti noti, si scopre (si fa per dire) che a pagare sono sempre gli stessi. I salari reali sono rimasti al palo in Italia negli ultimi 20 anni.

Lo certifica l'Istat nel suo rapporto annuale. “Tra il 1993 e il 2011 - spiega l'Istat - le retribuzioni contrattuali mostrano, in termini reali, una variazione nulla”. Appunto. Primavera verso l'estate o autunno verso l'inverno?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO