Fonsai, Giulia Ligresti è libera

L'ex amministratrice del gruppo Fondiaria-Sai, figlia di Salvatore Ligresti, torna in libertà dopo il patteggiamento di 2 anni e 8 mesi.

Il Tribunale di Torino ha accolto la richiesta degli avvocati Alberto Mittone e Gianluigi Tizzoni, difensori di Giulia Ligresti che ora può tornare in libertà.
Il 3 settembre la figlia di Salvatore Ligresti aveva patteggiato 2 anni e 8 mesi uscendo così dall'inchiesta Fonsai.
Dal 28 agosto Giulia Ligresti aveva ottenuto gli arresti domiciliari, concessile per problemi di salute.

Fonsai, Giulia Ligresti patteggia 2 anni e 8 mesi


Martedì 3 settembre 2013

Nessun colpo di scena. Giulia Ligresti, l'ex amministratrice del gruppo Fondiaria-Sai arrestata lo scorso luglio insieme al padre Salvatore, i fratelli Paolo e Jonella e a tre ex dirigenti nell’ambito dell'operazione Fisher Lange", ha patteggiato una pena di 2 anni e 8 mesi di carcere e una multa di appena 20 mila euro.

Come da programma l'udienza si è svolta stamattina. La proposta di patteggiamento, anticipata nei giorni scorso dai legali della donna, è stata accettata dal gip del Tribunale di Torino, che ha concordato anche la confisca di quote immobiliari della società Pegaso e delle polizze assicurative riconducibili all'ex amministratrice che secondo fonti vicine all'inchiesta avrebbero un valore complessivo di alcuni milioni di euro.

La donna, arrestata per falso in bilancio e manipolazione di mercato, era rimasta in carcere fino al 28 agosto scorso, quando le sue condizioni di salute erano state giudicate non compatibili con il regime carcerario e per questo erano stati disposti gli arresti domiciliari.

Giulia Ligresti ai domiciliari: non mangia, è troppo magra


Mercoledì 28 agosto 2013

Le condizioni di salute di Giulia Ligresti non sono più compatibili con il regime carcerario, per questo andrà agli arresti domiciliari in un appartamento di Milano.

Il 3 settembre è fissata l'udienza per il patteggiamento davanti al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Torino. L'accordo prevede una pena di poco meno di tre anni e il versamento di un milione di euro.

Giulia Ligresti, figlia di Salvatore Ligresti, è stata arrestata nell'ambito dell'operazione "Fisher Lange" insieme con suo padre e i fratelli Paolo (che è in Svizzera) e Jonella più gli ex dirigenti Fausto Marchionni, Emanuele Erbetta e Antonio Talarico. Sono tutti accusati di falso in bilancio aggravato e di manipolazione del mercato.

La donna si trovava nel carcere di Vercelli e dal giorno dell'arresto, avvenuto il 17 luglio scorso, ha accusato problemi di salute. In particolare da qualche giorno rifiuta il cibo e da quando è entrata in prigione ha perso sei chili. Il 22 agosto la procura di Torino ha disposto una perizia medica sia per Giulia sia per Salvatore Ligresti e le visite sono state effettuate lunedì 26. Il medico legale Roberto Testi, nella relazione che ha consegnato ai pm Vittorio Nessi e Marco Gianoglio, ha spiegato che la donna non versa in buone condizioni di salute e per questo i magistrati hanno ora disposto gli arresti domiciliari.

Per quanto riguarda il patteggiamento, nel caso in cui la somma di un milione di euro dovesse essere messa a disposizione in tempo per l'udienza, il giudice potrebbe prendere già nella giornata del 3 settembre la decisione circa il patteggiamento. Jonella Ligresti, invece, non ha accettato di patteggiare.

Sulle precarie condizioni di salute di Giulia Ligresti si era espresso anche il giornalista e imprenditore Marco Di Gregorio sul blog di Beppe Grillo mettendo in evidenza l'ipocrisia della giustizia italiana che ha tenuto in carcere la donna nonostante fosse stata dichiarata la sua incompatibilità con la detenzione per motivi di salute e nonostante avesse chiesto di patteggiare ammettendo dunque le responsabilità.

Lo scorso 12 agosto la Guardia di Finanza ha sequestrato alberghi di lusso, complessi immobiliari, conti correnti e polizze assicurative facenti capo alla famiglia Ligresti e agli altri manger della Fondiaria Sai coinvolti nell'operazione "Fisher Lange"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO