Renzo Piano, un senatore a vita "grillino"?


Il Presidente Napolitano ha nominato quattro nuovi senatori a vita. La scelta dei nomi è di altissimo livello. Claudio Abbado, Carlo Rubbia, Elena Cattaneo, Renzo Piano, sono personalità che possiedono indubbi meriti scientifici, sociali e culturali, che hanno dato lustro al nostro Paese nel mondo. Eppure, al di là del valore indiscutibile delle nomine, bisogna tener presente che è sempre implicito un risvolto politico nelle scelte di un Capo della Stato.
Per questo, a nostro avviso, è necessario focalizzare l'attenzione dei lettori su una delle personalità selezionate da Napolitano, stiamo parlando dell'archistar Renzo Piano.

Difficile racchiudere la sua carriera in poche righe. Ci limitiamo a ricordare che è stato, a partire dagli anni '70, uno dei maggiori esponenti dell'estetica high-tech e che ha realizzato alcuni dei più eminenti progetti dell'architettura contemporanea, come il Centro Culturale Georges Pompidou a Parigi, l'aeroporto Kansai in Giappone, l'auditorium Parco della Musica a Roma, il museo dell'Art Institute a Chicago, il nuovo Campus della Columbia University a New York.
Abbiamo, però, omesso un particolare, meno rilevante rispetto ai meriti artistici elencati, ma molto importante sul piano politico: è un carissimo amico di Beppe Grillo e sostenitore di molte sue battaglie. Ciò forse è stato sottovalutato dal senatore M5s, Alberto Airola, che con toni "da raduno di Pontida" ha così commentato a caldo le nomine dei nuovi senatori a vita: "Saranno stipendiati a vita senza essere stati eletti da nessuno. Saranno i lacchè delle larghe intese?".

Mettiamo da parte la questione degli stipendi e proviamo riflettere sul quesito posto dal senatore penta stellato. L'ipotesi sollevata da Airola non è del tutto peregrina, Napolitano potrebbe aver scelto anche in base ad un calcolo politico. Nel caso in cui ci fosse la necessità di dare vita ad un Letta-bis, la "sensibilità" dei neo senatori, molto probabilmente, andrebbe nella direzione desiderata dal Capo dello Stato e i loro voti potrebbero essere decisivi. Inoltre, una figura come quella di Renzo Piano potrebbe rivelarsi quella giusta per svolgere una funzione precisa: quella di fare da "ponte" tra il Movimento 5stelle e il Pd.

L'amicizia tra Grillo e Renzo Piano è di vecchia data. A tale proposito, in molti ricorderanno l'aneddoto del ristorante, presente in un vecchio spettacolo del comico genovese. La leggenda vuole che Piano e Beppe fossero a cena insieme e che l'architetto, ad un certo punto, si sia molto incuriosito per la forma di una scheggia di parmigiano, tanto da volerla copiare sul suo taccuino. Mesi dopo, Piano ha presentato il progetto delle nuove poste inglesi che aveva, sempre secondo il comico, la stessa foggia di quella scaglia di formaggio. "E'andato a vendere agli inglesi un pezzo di grana formato montagna. E' davvero un genio", urlava Beppe dal palcoscenico con la maglietta intrisa di sudore.

Facezie a parte, il rapporto di amicizia ed intellettuale tra il leader (non leader) del M5s e l'architetto si è cementato nel tempo, tanto che Grillo lo ha anche proposto come Presidente della Repubblica. La risposta di Piano, seppur lusingata, fu un secco rifiuto: "È un buon segno se si pensa alla società civile, ma io non sono in grado di farlo, non ho alcuna conoscenza di rudimenti della pubblica amministrazione".
Tuttavia, nonostante gli ottimi rapporti con Grillo, Piano non può essere rappresentato come un simpatizzante grillino tout court. L'architetto, pur non volendo derubricare il fenomeno 5 stelle a mera anti-politica, ha sostenuto, nei giorni travagliati del tentativo di formare un governo da parte di Bersani, che Grillo avrebbe dovuto prendersi le sue responsabilità e "dare una mano". Inoltre ci ha tenuto a sottolineare che l'ex comico rischiava di commettere un grande errore: "Non se la prenda con l'euro. La vocazione europea dell’Italia va difesa, anche perché il nostro paese abbia una voce e un ruolo per cambiare le politiche europee che non funzionano".

E' facile intuire che queste affermazioni sono musica per le orecchie di Napolitano, che forse pensa a Piano come un possibile mediatore tra lui e i 5 stelle in caso di crisi.
I grillini, d'altro canto, non potranno non riflettere sull'opportunità rappresentata dalla nomina dell'architetto. Questo potrebbe diventare una sponda molto autorevole in parlamento, anche in vista di una futura legislatura. Ricordiamo che Piano è molto vicino alle battaglie ambientaliste di Grillo, sull'Expo, sulla moralità nella vita pubblica, sul coinvolgimento dei giovani nei ruoli decisionali e possiede anche una sensibilità pacifista molto in sintonia con quella dei simpatizzanti del M5s. Basti leggere, a tale proposito, alcune riflessioni di Piano scaturite in occasione dell'inaugurazione del museo Paul Klee a Berna (costato 75 milioni di dollari), pubblicate da Grillo sul suo blog:

Un giornalista del New York Times, una volta corrispondente di guerra, mi ha fatto notare che questo costo [quello del museo Klee] è pari a quello di un bombardiere americano in missione di guerra in Iraq per 1 ora (carico di esplosivo e caccia di scorta compresi). Mi ha sconvolto scoprire cosa si può fare con gli stessi soldi: distruggere tutto per un'ora o costruire qualche cosa che nutrirà pacificamente le menti per secoli

Siamo in una condizione politica dove l'incertezza regna sovrana e potrebbe accadere di tutto. Nel caso in cui il governo cadesse, non è detto che sia necessario il coinvolgimento delle "colombe" del Pdl per dar vita ad una nuova maggioranza. Potrebbe anche essere praticabile la strada di un breve governo di scopo tra 5telle e Pd. In cambio di una "mini-finanziaria rassicurante" per l'Europa, il Partito Democratico potrebbe discutere di reddito di cittadinanza, qualche misura pro green economy e di legge elettorale con il M5s per far nascere un nuovo esecutivo. In questo senso Piano potrebbe svolgere un suo ruolo, e forse Napolitano ci ha già pensato.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO