Ore 12 - Ecco cosa dirà Berlusconi in tv. Verso la Repubblica delle "banane"?

altroChissenefrega dell’inflazione che corre verso il 4 per cento, dei prezzi che salgono, dei consumi che calano, dei “nuovi” sacrifici da fare, della crisi economica che avanza?

Il Premier Berlusconi domani in tv si rivolgerà direttamente agli italiani, o, per meglio dire, al “suo popolo”. Non è la prima volta. Ma l’attesa cresce.

In Italia l’emergenza numero uno è la “giustizia”. Pertanto in “situazione di emergenza” occorre l’immediata adozione del decreto legge sulle intercettazioni al posto del più lento disegno di legge appena varato dal governo.

Questo dirà il capo del Governo. Liberatemi da questo cappio che mi balla sul collo, tarpiamo le ali alle “toghe rosse” , mettiamo la mordicchia alla stampa che appoggia i giudici giustizialisti e fa loro da megafono e io finalmente sarà libero e sereno di metter mano ai problemi di questo martoriato paese. Questo sarà il senso dell’appello del leader del Centrodestra.

L’opposizione parla di colpo di mano. Il Palazzo annaspa, interessato (e impaurito) solo alle nuove annunciate intercettazioni telefoniche. Sarà una valanga per molti del Pdl! Conversazioni fortemente compromettenti per il Cavaliere! Queste le voci che corrono.

Ecco perché Berlusconi parla di “urgenza”. Bisogna arrivare prima che la “bomba” esploda. Chiudere subito la questione. Con lo scontro aperto fra i poteri istituzionali e costituzionali e con gli italiani che non ci capiscono più niente.

Il concetto di Berlusconi è chiaro: chi ha ricevuto dal popolo l’investitura a governare, non può essere limitato nell’esercizio del suo potere dal rispetto della legge e dal principio di legalità. E’ l’interpretazione berlusconiana di una “sovranità popolare” illimitata. Che però contrasta con la Costituzione.

E adesso? L’attesa è per il nuovo show televisivo del Cavaliere. A meno che in queste ore le miccia già accese (ma da chi?) non facciano esplodere la bomba delle bombe.

E se i magistrati costringessero davvero Berlusconi alle dimissioni? Si andrà di nuovo al voto. E sarà plebiscito pro Cavaliere. A quel punto l’Italia diventa un’altra Repubblica: la Repubblica delle banane!

  • shares
  • Mail
36 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO