Il nuovo asso di Berlusconi: Vittorio Feltri candidato

Vittorio Feltri candidato
Incassato il no di Gerry Scotti, Berlusconi tira fuori dal cilindro un altro nome, quello di Vittorio Feltri. Sarebbe lui, l'editorialista del Giornale, l'uomo a cui il Cavaliere pensa come anti-Grillo alle prossime elezioni. Dopo il partito di Repubblica, il partito del Giornale?

Per Berlusconi quella di trovare un oppositore a Grillo sembra essere diventata un'ossessione, più ancora che rimettere insieme i cocci del Pdl o trovare un'organizzazione credibile per le prossime primarie. D'altronde Feltri è da mesi il "grillo parlante" del Cav, e sulle colonne del Giornale i vertici del partito sono i suoi bersagli preferiti, quasi più di Monti.

Il ruolo di Feltri non è ancora chiaro, è improbabile che si candidi alle prossime primarie (per le quali al momento sono in corsa solo Alfano e Galan), ma sicuramente dovrebbe servire come nome di richiamo per quegli elettori delusi dal Pdl e dall'appoggio a Monti, elettori che si riconoscono nella linea del Giornale.

La candidatura di Feltri non avrebbe l'appoggio di Alfano né di molti big del partito, sicuramente non degli ex An, con cui l'editorialista non è mai stato tenero. Ma avrebbe però un risvolto positivo per le casse di casa Berlusconi visto che il Giornale, alle prese con il calo dei ricavi pubblicitari, potrebbe fare a meno dello stipendio di Feltri e tagliare così i costi senza traumi.

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO