Decadenza Berlusconi. Fedele Confalonieri in missione al Quirinale

Il presidente di Mediaset ha incontrato il Capo dello Stato in un colloquio riservato


Si è trattato di un colloquio riservato, talmente tanto che la notizia è trapelata solo a cose già avvenute. Fedele Confalonieri è stato mandato "in missione" a Roma per conto di Berlusconi, con l'incarico di incontrare il presidente della Repubblica e trattare per la famigerata "agibilità politica" dell'ex premier. Un incontro che significa essenzialmente due cose. La prima è che Berlusconi non è affatto convinto di far saltare il governo e cerca fino all'ultimo una mediazione. La seconda è che la questione ormai sta esulando dalla sfera politica per passare a quella privata. Lo dimostra l'intervento di Confalonieri, che tra i fedelissimi del Cav è l'unico a essersi tenuto a distanza dalla politica e anzi a vantarsi di non capirne niente.

Confalonieri è comunque una delle colombe alla corte di Berlusconi, assieme a Gianni Letta, ed è preoccupato soprattutto delle conseguenze di una crisi di governo sull'azienda di famiglia: Mediaset ha ripreso fiato in Borsa nei mesi di governo Letta dopo un periodo buio, il timore è che una crisi possa riportarlo giù. In secondo luogo Confalonieri, dal suo punto di vista, si schiera contro i falchi anche perché non sopporta i tatticismi. Verderami sul Corriere racconta che durante una riunione ad Arcore, mentre i falchi spiegavano che un nuovo governo senza l'appoggio del Pdl non avrebbe potuto contare sulle commissioni, Confalonieri ha sbottato: "Ma chi se ne frega delle commissioni, c'è di mezzo la vita di Berlusconi!".

Con queste credenziali il presidente Mediaset è sceso a Roma, dove prima e dopo l'incontro al Quirinale ha avuto altri colloqui con "alleati e avversari". Poco si sa del vertice con Napolitano, è probabile che Confalonieri si sia fatto ambasciatore delle difficoltà che sta incontrando Berlusconi dopo la condanna, mentre Napolitano difficilmente può aver detto qualcosa di diverso da quello che ha ripetuto in questi giorni e da quello che poi è stato scritto nella nota pubblicata ieri pomeriggio, poco dopo l'incontro con Confalonieri.

Nota che è stata accolta con reazioni contrastanti nel Pdl: se molti la leggono come l'ultima chiusura del Colle a qualsiasi ipotesi di clemenza, ad Arcore è stata ricevuta con un certo sollievo, assieme al racconto di Confalonieri. Tanto è vero che Berlusconi ha ricevuto Alfano in serata e per il momento pare aver rinfoderato il famigerato videomessaggio della rottura. A conferma che il round tra falchi e colombe (e l'incertezza di Berlusconi) è destinato a continuare

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO