Decadenza di Berlusconi: cosa succede oggi in giunta immunità?

La giunta si riunisce alle venti e se farà in tempo voterà sulle pregiudiziali presentate ieri dal relatore Augello. Il voto decisivo sul Cavaliere è ancora lontano da venire.

Ma quindi stasera la giunta per le elezioni e le immunità vota? E cosa vota? Non si tratta ancora della puntata decisiva di una telenovela che sta tenendo sotto scacco il governo Letta e con il fiato sospeso gli italiani; una situazione in cui il paese è praticamente immobile in attesa di capire se un condannato in via definitiva sarà costretto ad abbandonare la carriera politica.

Questa sera, dunque, la giunta si riunisce alle 20 e se farà in tempo dovrà votare. Ma non si tratta del voto decisivo sulla decadenza di Berlusconi, si voterà piuttosto sulla relazione di Andrea Augello, o meglio, sulle tre pregiudiziali che, secondo lui, renderebbero necessario attendere il parere della Corte di Strasburgo e della Corte Costituzionale. Sempre che a questo si arrivi, visto che prima tutti i gruppi dovranno intervenire in notturna per dire la loro sulle pregiudiziali presentate da Augello.

Quali sono le tre pregiudiziali presentate da Augello? La prima si riferisce alla possibilità che la giunta possa sollevare questioni di legittimità costituzionale davanti alla Corte Costituzionale. La seconda è la conseguente proposta di portare la legge Severino davanti alla Corte Costituzionale. La terza riguarda il rinvio alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea. In pratica, Augello chiede che la giunta fermi i lavori finché non si sono espresse Ue e Corte Costituzionale sulla Legge Severino.

Per rallentare ulteriormente i lavori, c'è anche la possibilità che i gruppi che si oppongono alla decadenza di Berlusconi decidano di non presentarsi in Giunta, ma potrebbe essere un boomerang, visto che i lavori possono comunque continuare se c'è il numero legale. Numero legale che Pd-Sel-M5S da soli sono assolutamente in grado di garantire. E quindi, ma solo se si farà in tempo a votare, le pregiudiziali di Augello saranno bocciate (forse con un unico voto), decidendo quindi che la legge Severino è applicabile.

A questo punto si passerà a parlare del vero argomento: la decadenza di Berlusconi, e non più se sia legittima la legge che porta alla decadenza di Berlusconi. La bocciatura delle pregiudiziali presentate da Augello potrebbe portare alle sue dimissioni o alla sua sostituzione con un relatore del fronte pro-decadenza (ma non è detto, perché a essere bocciate sono le pregiudiziali e non la relazione). A questo punto la tempistica più probabile vuole che: oggi o la prossima seduta si votino le pregiudiziali, poi si nomini un altro relatore e vengano date a Berlusconi altre due settimane per la sua difesa.

Si arriva a fine settembre, dunque, dopodiché in pochi giorni si andrebbe a chiudere. Manca ancora però un passaggio fondamentale, il voto dell'aula. Che deve confermare quanto deciso dalla giunta. E nel frattempo, sarà con tutta probabilità stata riformulata anche l'interdizione (il ricalcolo è stato fissato per il 19 ottobre).

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO