Papa Francesco scrive a Repubblica: "Dialogo con tutti"

Papa Francesco risponde a due editoriali di Eugenio Scalfari: fede, tradizione, dialogo interreligioso, la "luce della fede" spiegata ai lettori di Repubblica

I lettori di Repubblica saranno rimasti di sasso questa mattina quando, aprendo il quotidiano, hanno trovato una firma d'eccezione a siglare una lettera a Eugenio Scalfari: Papa Francesco, al secolo Jorge Mario Bergoglio, ha scritto e firmato una lettera in risposta a due articoli dell'ateo direttore del quotidiano da lui stesso fondato, rispondendo alle domande lui poste su fede e laicità.

Un'apertura totale, quella mostrata da Papa Francesco, anche a chi manifesta sentimenti laici di dialogo con le religioni; anche se c'è chi, con una battuta, commenta che "questo Papa interviene più spesso di un parlamentare qualunque", l'atteggiamento conciliante del Pontefice è certamente segnale di una rottura completa con il passato, almeno nel panorama comunicativo della Santa Sede, o, meglio, di una nuova, pratica, curiosità al presente.

Il tentativo del Vaticano, e del Papa, è chiaro: restituire alla Chiesa una autorità morale perduta, anche andando a "pescare" tra chi, negli anni, si è allontanato da Roma perseguendo una sua personale linea etica e religiosa.

Il tema centrale è la fede: Scalfari, nei suoi articoli del 7 luglio scorso e del 7 agosto riprendeva l'enciclica "Lumen Fidei", scritta a quattro mani da Papa Francesco e dal Papa Emerito Benedetto XVI e ripresa dallo stesso Francesco qualche settimana dopo.

La luce della fede, sulla cui "realtà" Bergoglio afferma sia necessaria una riflessione costante, vera, profonda: un "dovere" che il Papa affida a tutti, nell'ottica di quel "dialogo" perduto, non solo interreligioso ma anche tra credenti e non credenti.

"[...] la fede cristiana, simbolo della luce, lungo i secoli della modernità sia stata spesso bollata come il buio della superstizione che si oppone alla luce della ragione. Così tra la Chiesa e la cultura d'ispirazione cristiana, da una parte, e la cultura moderna d'impronta illuminista, dall'altra, si è giunti all'incomunicabilità. È venuto ormai il tempo, e il Vaticano II ne ha inaugurato appunto la stagione, di un dialogo aperto e senza preconcetti che riapra le porte per un serio e fecondo incontro."

Se per un credente, spiega il Papa, la luce della fede nasce dall'incontro con Gesù (come è stato per lui, racconta) è la Chiesa che dona alla fede la solidità e la disciplina che la radica nella coscienza delle persone:

"La fede cristiana crede questo: che Gesù è il Figlio di Dio venuto a dare la sua vita per aprire a tutti la via dell’amore. Ha perciò ragione, egregio Dott. Scalfari, quando vede nell’incarnazione del Figlio di Dio il cardine della fede cristiana."

Ai non credenti invece, come lo stesso Scalfari, il Papa rivolge parole di apertura innovative, che non rompono con il passato ma proiettano la Chiesa nel futuro:

"Mi pare che ciò che Le sta a cuore è capire l'atteggiamento della Chiesa verso chi non condivide la fede in Gesù. Innanzi tutto, mi chiede se il Dio dei cristiani perdona chi non crede e non cerca la fede. Premesso che - ed è la cosa fondamentale - la misericordia di Dio non ha limiti... La questione per chi non crede in Dio sta nell'obbedire alla propria coscienza. Il peccato, anche per chi non ha la fede, c'è quando si va contro la coscienza."

Insomma, non importa in cosa credi o se credi ma importa ciò che fai, il tuo modo di interpretare la realtà e di rapportarti con il mondo: è questo che ti rende uomo o bestia, un principio che nell'Illuminismo si è incarnato con Voltaire e Rousseau ma che nella Chiesa veniva predicato già 2000 anni fa da Gesù Cristo.

"Penso che questo sia oggi assolutamente necessario per intavolare quel dialogo sereno e costruttivo che auspicavo all’inizio di questo mio dire."

Così chiude la sua lettera il Papa, con parole rivolte al dialogo tra gli uomini e degli uomini con Dio. Carne e cielo che si incontrano grazie all'apertura delle braccia di Bergoglio.

Di seguito il testo integrale della lettera di Papa Francesco.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO