Raffaele Lombardo: il pm chiede dieci anni per voto di scambio mafioso

L'ex presidente della Regione Sicilia indagato per voto di scambio e concorso esterno.

Raffaele Lombardo, ex presidente della Regione Sicilia, rischia fino a dieci anni di carcere. O almeno questa è la pena chiesta dalla procura di Catania nel processo per voto di scambio e concorso esterno in associazione mafiosa in cui l'ex leader del Mpa si trova imputato.

L'indagine in questione è uno stralcio di quella, denominata Iblis, che indagava i rapporti tra Cosa Nostra, politica e imprenditoria. La procura ha chiesto l'archiviazione per il concorso esterno (rigettata dal gip Luigi Barone) puntando tutto sul voto di scambio e chiedendo l'aggravante mafiosa per il reato elettorale.

Raffaele Lombardo si è sempre proclamato innocente e ha anche rinunciato alla prescrizione del reato di corruzione elettorale, come ha fatto sapere a conclusione della requisitoria.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO