Elezioni politiche 2013 - Spunta la lista Monti?

Lista Monti
Il panorama degli aspiranti premier per le prossime elezioni comincia a farsi affollato. Proprio il giorno il cui Berlusconi decide di ricandidarsi, a dispetto di tutto quello che aveva detto negli ultimi mesi, arriva la notizia della possibile nascita di una lista Monti, guidata dall'attuale premier che proprio ieri dichiarava di non pensare a un reincarico dopo la prossima tornata elettorale. A dirla tutta, la lista già esiste ed è stata depositata, a scoprirla è stato Libero, ma da qui a dire che Monti si candiderà a capo di una sua lista nel 2013 ce ne corre.

La lista, spiega il vicedirettore di Libero Franco Bechis, è stata depositata all'Ufficio brevetti e marchi sotto la categoria "associazioni e organizzazioni culturali e politiche", e consiste solo delle due parole, Lista Monti, scritte in stampatello, senza altri simboli, all'insegna della sobrietà. A depositare la lista però non è stato il premier, e neanche qualche suo fedelissimo, ma un certo Celestino Ciocca, di professione brand manager. Il quotidiano di Belpietro ha intervistato l'interessato, che si è trincerato dietro risposte ambigue e ha rimandato ogni annuncio a settembre, lasciando però intendere tra le righe che si tratta di una cosa seria. Ma non sarebbe certo il primo caso di una persona che deposita marchi e nomi prima degli altri per poterli rivendere al momento opportuno, quindi Ciocca potrebbe aver previdentemente depositato la Lista per poterla poi cedere qualora nascesse davvero il partito di Monti. Libero snobba questa ipotesi, basandosi sul fatto che Ciocca non è un "disturbatore" ma un esperto di marketing, ma non sono argomentazioni convincenti.

Quel che è certo è che, ora che la Lista Monti è spuntata fuori, il premier si troverà costretto a dire qualcosa in merito, smentendo il suo coinvolgimento oppure facendo l'annuncio a cui Ciocca sembra fare riferimento. E un silenzio di Monti assomiglierebbe tanto a un assenso. Ma prendendo per buona la Lista Monti, con chi si schiererebbe e chi la appoggerebbe? Sicuramente avrebbe l'imprimatur di Napolitano, che suscitando le ire dei giornali di centrodestra ha dichiarato che dopo le elezioni del 2013 ci si potrebbe ritrovare nella stessa situazione di ora, implicando quindi che un Monti-bis sarebbe la soluzione migliore.

Tra i partiti, la cosa si fa più complicata. Il partito di Monti piacerebbe a tutta l'Udc, che ha sposato in pieno tutti i provvedimenti del premier identificandosi di fatto con il governo, ma taglia trasversalmente Pd e Pdl. Nel partito di Berlusconi la corrente di Franco Frattini e Maria Stella Gelmini guarda con un certo favore a un proseguimento dell'attuale governo, anche se con l'inserimento di politici. La stella linea era stata sposata da Berlusconi la settimana scorsa, prima dell'ennesimo cambiamento di idea. Nel PD è già nata una corrente appositamente per l'appoggio a Monti, guidata da Ichino, Morando e Follini, che si oppone ai "giovani turchi" di Fassina e Orfini che invece vogliono un PD che vada in direzione opposta rispetto all'attuale governo (che però continuano ad appoggiare). Ma Bersani e Alfano cosa ne pensano?

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO