Mali, la Francia invia altri 150 militari

Rimpatriate le salme dei giornalisti uccisi. La Francia aumenta il contingente militare in Mali

Lo ha annunciato in via ufficiale il ministro degli esteri francese Laurent Fabius: all'indomani dell'uccisione di due reporter di Rfi a Kidal, il rimpatrio delle salme è avvenuto questa mattina, il governo francese ha deciso di inviare un ulteriore contingente di 150 uomini in rinforzo alle operazioni militari in Mali.

Attualmente le forze francesi in terra maliana sono quantificabili in oltre 3.000 uomini e resteranno tali fino alla fine del 2013, per ridursi di un migliaio di unità a fine gennaio prossimo.

La notizia è emersa proprio mentre a Parigi atterravano le salme di Ghislaine Dupont, 57 anni, e Claude Verlon, 55, reporter di Rfi uccisi a sangue freddo dai ribelli islamisti maliani del Movimento nazionale di liberazione dell’Azawad (Mnla): secondo la radio francese Europe 1, che cita fonti della gendarmeria maliana, sarebbero state arrestate cinque persone per l'omicidio dei due giornalisti.

"Riteniamo che, delle persone che abbiamo in custodia, almeno una sia fra i quattro assassini"

avrebbe riferito una fonte dei servizi d'intelligence del governo del Mali. Gli arrestati, che sarebbero in mano alle forze armate francesi, sono stati catturati in alcuni campi, che ospitano le milizie del Mnla, nel nord del paese.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO