Nucleare iraniano: la Francia frena e la stampa iraniana grida al sabotaggio

Qualche dinamica del freno francese sulla questione del nucleare iraniano.

Con gli echi e le ombre dei negoziati della Conferenza di Ginevra ancora vivi, e pronti a riaccendersi per una nuova tornata il prossimo 20 novembre, dopo la recente tre giorni svizzera terminata senza il raggiungimento di un accordo sul programma nucleare di Teheran, ritorniamo sull'ostilità francese per tentare di comprenderne le ragioni. Il ministro degli Esteri Laurent Fabius, definito dalla Reuters come "il maggior oppositore all'accordo nucleare tra l'Iran e il gruppo 5+1" (composto dai cinque membri permanenti del consiglio di sicurezza e dalla Germania) ha infatti esplicitamente affermato che:

le inquietudini di Israele nei confronti dell'Iran sono serie e devono essere prese sul serio.

Posizioni che ricalcano quelle sostenute da Benyamin Netanyahu e riferite direttamente da Kerry, che ha incontrato il primo ministro israeliano prima del summit.

Le critiche della stampa iraniana


I negoziati si sono interrotti da poche ore e la stampa iraniana critica duramente la posizione francese, qualificando come "sabotaggio" (dai titoli di ieri del quotidiano Khorasan), l'intervento contrario della Francia. Una reazione che interviene in un clima precedentemente speranzoso, che aveva lasciato immaginare un alleggerimento delle sanzioni internazionali.

Diplomatiche pezze


Ma a chi accusa il capo della diplomazia francese di aver volutamente ostacolato le trattative, isolandone le posizioni, risponde (secondo il Nouvel Observateur) il Quai d’Orsay, sottolineando che la Francia si è limitata a sostenere la sua posizione tradizionale sull'argomento, e cioé quella di un "pungolo vigilante ma costruttivo", rifocalizzando l'attenzione sul progetto d'accordo comune presentato al negoziatore iraniano che conferma l'integrazione della delegazione francese nei negoziati.

Foto by PHILIPPE WOJAZER/AFP/Getty Images. Tutti i diritti riservati.

Via | courrierinternational.com

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO