Unione Europea: accordo per il bilancio 2013 e 2014

Evitato il collasso di bilancio. Stabiliti anche i limiti per gli aiuti alla Siria e ai rifugiati di Lampedusa.

Dopo 17 ore di riuione

Il Consiglio dell'Unione Europea e il Parlamento europeo hanno raggiunto l'accordo sul bilancio, al termine di una riunione fiume durata diciassette ore. Il comitato di conciliazione ha trovato l'intesa sulle due questioni oggetto del negoziato: la correzione del bilancio per l'anno in corso e il budget per il 2014. E' stato dunque evitato il collasso di bilancio. Una mancata chiusura di uno solo dei due dossier non avrebbe permesso di procedere con l'approvazione del quadro finanziario pluriennale (2014-2020).

E' dunque passata la linea degli Stati membri sulla proposta emendativa da 400 milioni per l'anno in corso: le risorse, da mobilitare per venire incontro ai Paesi colpiti da alluvione l'estate scorsa, saranno individuate fuori dal Fondo di solidarietà, dunque saranno reperite dentro il bilancio generale. Il Consiglio spingeva per questa soluzione.

Questa correzione di bilancio sarà divisa in due rate: una prima da 250 milioni sarà erogata nel 2013, la seconda da 150 milioni verrà pagata nel 2014. A beneficiare dei soldi saranno la Germania (360,5 milioni), l'Austria (21,7), la Repubblica Ceca (15,9) e la Romania (2,5). Per il 2014, il Parlamento ottiene un aumento dei tetti di spesa: dei 960 miliardi di impegni e dei 908 miliardi di spesa per l'intero settennio, il 2014 avrà massimali da 142,6 miliardi per gli impegni e di 135,5 miliardi per i pagamenti.

Nel dettaglio: 62,3 miliardi di euro vengono destinati per i pagamenti (50,9 per la coesione territoriale e sociale, 11,4 per la competitività), alla crescita sostenibile 56,4 miliardi, alla sicurezza e cittadinanza 1,6 miliardi, all'Europa globale 6,1 miliardi. Nessun aumento di spesa per i costi amministrativi, come richiesto da Danimarca, Grab Bretagna, Finlandia, Paesi Bassi e Svezia. Le risorse per i pagamenti restano a 8,4 miliardi.

Infine, nove miliardi di impegni e 6 miliardi di spesa andranno al programma di ricerca 'Horizon 2020', 3,9 miliardi di impegni e 900 milioni di pagamenti all'occupazione giovanile. Stabiliti anche i tetti per gli aiuti umanitari a sostegno della Siria e dei rifugiati a Lampedusa: 920 milioni di impegni e 750 milioni per i pagamenti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO