Sondaggi Primarie Pd: Matteo Renzi cala, Gianni Cuperlo cresce

Meno tre settimane al voto e la situazione non sembra destinata a cambiare. Ma il rottamatore inizia a perdere colpi.

Alle Primarie Pd mancano solo tre settimane e va detto che per Matteo Renzi le cose non si stanno mettendo nel migliore dei modi. Non che ci sia qualche possibilità, stando ai sondaggi Ixe trasmessi stamane, che il sindaco di Firenze perda le elezioni per decidere il prossimo segretario del Pd, ma la sua popolarità sembra iniziare a risentire del fatto di essersi invischiato nel partito più problematico al momento sulla piazza.

E infatti, per la prima volta, Matteo Renzi scende sotto quota 60%. I sondaggi precedenti l'avevano sempre dato oltre il 60, alcuno anche al 70%. Adesso il rottamatore si ritrova "solo" al 53%. Certo, è una percentuale che non lascia scampo agli avversari, ma che fa suonare un campanello di allarme. Che gli elettori che dovevano arrivare in massa per sostenerlo da Pdl e M5S si siano defilati? Se così fosse, si potrebbe dire che le manovre di bersaniani & co. per ricordare come si stesse eleggendo il segretario e non il candidato premier sono andate a segno. Mossa legittima, anche se - secondo lo statuto del Pd - il segretario è anche il candidato premier. Regola a cui si è derogato, però, proprio per far correre Renzi contro Bersani. Insomma, situazione complicata.

In tutto questo, Cuperlo riesce a crescere un po', ma la sua vittoria al momento non sembra uno scenario da prendere in considerazione: il candidato dell'ala tradizionale del Pd è al 18%. Nessuna chance di diventare segretario sembrerebbe, ma quanto meno Gianni Cuperlo riesce a tenere un po' a distanza Pippo Civati, che nelle ultime settimane si era pericolosamente avvicinato. Arrivare terzo, per il candidato di D'Alema, sarebbe stato uno smacco non tollerabile. Uno smacco che non è ancora del tutto esorcizzato.

Dicevamo di Pippo Civati: il ribelle del Pd rimane stabile all'11%, la quota su cui il suo gradimento si assestato praticamente fin dall'inizio. A seconda dei sondaggi le sue chance di superare Cuperlo sembrano più o meno credibile, ma alla resa dei conti è probabile che si ritroverà in terza piazza. Infine Gianni Pittella, il cui fratello è il candidato governatore per elezioni regionali in Basilicata: il suo 2% non sembra avere nessuna possibilità di crescere ed è anche possibile che dopo il congresso la candidatura venga esclusa dalla rosa.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO